Questa sera, per l’ultima volta, chiuderà la porta del suo storico negozio di intimo in via Verga. “Dispiace, ma ora è tempo anche per me di andare in pensione”.

Negozio storico di Treviglio

Con la sua storia decennale il negozio di intimo “Adelaide” è una delle colonne del commercio trevigliese. O almeno lo sarà ancora fino alle 19.30 di questa sera, quando Maria Adelaide Ravanelli chiuderà definitivamente la sua attività. Aperto nel 1954 dalla mamma, ora 96enne, Rina Mezzadri, il negozio che è sempre rimasto nello stabile di via Verga, è passato nelle mani della figlia Adelaide nel 1977.

Sempre col sorriso

Chi la conosce sa come sia contagioso il sorriso di Adelaide. Affabile, sempre pronta a servire le clienti da dietro il bancone del suo negozio. Una memoria di ferro e una grinta che, a 62 anni, non accenna a diminuire. Basta fare due parole con lei per capire che in quel negozio sta lasciando il cuore. “Quando ho iniziato a 23 anni avevo tutta la vita davanti, non avevo paura di niente e mi sono buttata – ha raccontato – vuoi gli anni buoni, vuoi la mia capacità, devo dire che ho sempre lavorato con tantissime soddisfazioni”.

Al passo coi tempi

Il negozio ha cambiato “volto” tante volte: da merceria dove si poteva trovare un po’ di tutto al negozio di intimo che conosciamo oggi. E’ stato questo, insieme al talento per la vendita di Adelaide (che l’ha resa un vero punto di riferimento), il segreto del successo. “Riuscire a intercettare le mode – ha detto – difendendo sempre la qualità, prima di tutto. Abbiamo modificato la nostra offerta in base alla richiesta degli anni ed è sempre andata bene”.

Leggi anche:  Reddito di inclusione a Treviglio già 210 domande

Nessuno vuole cogliere la sfida

Per questo, conoscendo il potenziale del suo negozio, Adelaide ha cercato negli ultimi due anni di vendere la licenza e permettere a qualcuno di proseguire il suo lavoro. “Non ho figli che possano continuare con l’attività – ha spiegato – ma sembra che nessuno abbia il coraggio di prendere in mano questa attività che, seppur impegnativa, ha ancora un grande potenziale. E quindi, va bene così. Ormai da due anni prendo la pensione, direi che arrivata l’ora di chiudere. Ringrazio tutte le mie clienti e chiunque sia entrato almeno una volta nel mio negozio”.