I bambini e i ragazzi disabili resteranno per una settimana senza assistenza nelle scuole. Il servizio che viene fornito dalla società partecipata del Comune «Ygea Srl» partirà infatti il prossimo lunedì 18 settembre.

Fondi insufficienti e si taglia sulle ore

I genitori, a cui non è stata data alcuna comunicazione, scopriranno tutto lunedì portando i loro bambini a scuola per l’inizio delle lezioni. Le educatrici, però, non ci saranno e mancheranno per tutta la settimana. Non solo. Fino al 22 opereranno a metà orario. E lo stesso accadrà l’ultima settimana prima delle vacanze natalizie (dal 18 al 22 dicembre). Per tutte le scuole di ogni ordine e grado (quindi anche le materne che solitamente proseguono sino a fine giugno), le assistenti resteranno poi a disposizione fino all’8 giugno. Se lungo l’anno scolastico avanzeranno delle risorse economiche, per qualche alunno degli asili potrebbe esserci la possibilità di avere il servizio fino al 29 giugno.

L’ira delle mamme

Inutile dire che la novità ha mandato su tutte le furie sia le educatrici che le mamme.”Ppurtroppo, quest’anno c’è stato un aumento dei disabili nelle scuole cittadine e quanto era stato stanziato con il bilancio del 2017 non era sufficiente. Stiamo comunque parlando di ben 900 mila euro – ha chiarito il vicesindaco Pinuccia Prandina – Abbiamo quindi concordato con le dirigenze scolastiche questa soluzione. Vorrei comunque sottolineare che come Comune stiamo supplendo allo Stato. Basti pensare che lo scorso anno abbiamo messo a disposizione 20 ore per i disabili gravi, lo Stato solo 6. I genitori dovrebbero quindi lamentarsi con chi ci governa».

Leggi anche:  Futuro dei giornalisti, convegno in Liguria: anche la Lombardia in trasferta

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola oggi.