Abio Treviglio organizza un nuovo corso per diventare volontari dell’associazione. Abio si occupa di rallegrare le giornate di degenza dei piccoli pazienti della pediatria e di alleggerire il carico delle famiglie. I volontari offrono ai bambini momenti di svago con giochi, lavori creativi e letture.

Abio Treviglio cerca volontari

L’associazione trevigliese che da anni sta a fianco dei bambini in ospedale e delle loro famiglie è in cerca di nuovi volontari. Per iniziare a fare volontariato in Abio è necessario frequentare un corso specifico. Il corso è preceduto da un incontro informativo, durante il quale si spiegano la struttura, le attività dell’associazione e i requisiti del volontario Abio.

L’incontro informativo

L’incontro informativo si terrà il 21 febbraio dalle 20.45 nella sala convegni dell’ospedale di Treviglio. Verranno illustrati la struttura e le attività dell’associazione e i requisiti necessari per diventare volontari. Interverranno il presidente di Abio, Ferdinando Colombo, la responsabile della formazione Laura Celsi e la responsabile dei volontari Luisa Gerra. Questo incontro è fondamentale per dar modo alla persona di conoscere le regole del volontariato Abio e di riflettere sull’opportunità o meno di iscriversi al corso di formazione.

Il programma del corso

  • Il 27 febbraio nella sala Golgi dell’ospedale si terrà la valutazione al servizio Abio. A piccoli gruppi sarà verificata la capacità di relazione degli aspiranti volontari.
  • Il 12 marzo dalle 20.45 la responsabile della formazione Laura Celsi illustrerà l’importanza del gioco per il bambino ospedalizzato.
  • Il 19 marzo dalle 20.45 si parlerà invece degli aspetti igienico-sanitari e comportamentali del volontariato in ospedale. Un aspetto fondamentale per la sicurezza dei pazienti e dei volontari. Il relatore sarà il presidente dell’associazione, il dottor Ferdinando Colombo.
  • Il 29 Marzo invece si partirà dalle 9.15 con il seminario “Io soggetto di relazione” , che si concluderà alle 17.30. Durante la giornata con lo psicoterapeuta di Abio agli aspiranti volontari saranno forniti spunti di riflessione sulla conoscenza di sé come persona e come volontario. Si parlerà di ascolto e comunicazione e delle problematiche dei bambini ospedalizzati  e dei genitori.
Leggi anche:  Adelaide morì durante un esame, prosciolti tutti i medici

Una volta in reparto

Dopo aver frequentato il corso i volontari potranno finalmente accedere al reparto di pediatria dell’Ospedale. Non  saranno soli, ma sempre accompagnati da un “tutor”, un volontario più esperto che li aiuterà nelle varie attività. L’impegno richiesto è di qualche ora alla settimana. Una mattina, un pomeriggio o una sera sulla base della disponibilità dei volontari. Al momento dell’inserimento in reparto i volontari dovranno versare la quota associativa Abio di 20 euro annuali e acquistare la tshirt che costituisce la divisa dei volontari.