“Anna la ragazza dai colori, ovvero il bello della vita”. Questo il titolo dell’ultimo libro (il primo in prosa) di Anna Luisa Faleschini. Sabato al “Magnolia Shop” la presentazione del volume, con l’accompagnamento musicale di due giovanissime boltieresi, Amanda e Amelia Sambo.

 

anna la ragazza dai colori presentazione     anna la ragazza dai colori presentazione

Anna la ragazza dai colori

“Anna la ragazza dai colori” è un libro che l’autrice stessa definisce come “una raccolta di file di parole”.  “Penso di essere nata con la matita in mano – ha detto Anna Luisa Faleschini – la vita è frutto di continui incontri. Incontri di cui io ho sempre scritto. Avevo un computer pieno zeppo di file e poi biglietti, pagine, fogli pieni di storie. Storie che ho sentito il bisogno di condividere e regalare agli altri”.
Non è un libro come gli altri quello di Anna Faleschini: è un romanzo autobiografico nel quale emerge la donna appassionata sempre alla ricerca di nuove esperienze, anche quelle più difficili. E’ una raccolta di pensieri, racconti, sensazioni e colori. Ad ogni sentimento di cui si parla nel libro l’autrice ha assegnato un colore: “In un periodo nel quale ho subito numerosi interventi alla retina e mi sono resa conto del rischio di perdere la vista mi sono comprata una grossa scatola di matite colorate e ho iniziato a disegnare. Spero che chi legge il mio libro ne colori le pagine, il mio è tutto colorato”.

Il diario di seta rosa

“Non è facile scrivere un libro – ha spiegato Anna Faleschini – la prima volta ci ho provato nel 1985. Dopo 7 pagine avevo già finito. Poi, con il trasloco a Boltiere, è spuntato fuori da un cassetto il diario di seta rosa che custodisce le parole mie e  di mia madre.  Quello è stato il punto di partenza”.

Il progetto benefico

Un libro che racconta la storia di una donna straordinaria non poteva rimanere un “semplice libro”. Ecco che questo volume è diventato in qualche modo ambasciatore di un progetto benefico tutto al femminile. “Quando ho fatto leggere la bozza del mio romanzo – racconta l’autrice – ho messo i fogli in una custodia fatta a maglia. Poi ho incontrato a Creattiva i volontari della Comunità Casa Samaria delle Suore Poverelle, che accolgono ragazze e donne in alternativa al carcere. Guardando i loro meravigliosi lavori ho pensato che avrebbero potuto creare delle copertine per il mio volume”.  Ed ecco che queste ragazze, che generalmente cuciono gli abiti per i carcerati, rigorosamente ed esclusivamente grigioverdi, si sono sbizzarrite. Con lane e stoffe coloratissime hanno realizzato deliziose copertine estive e addirittura caldi golfini con tanto di bottoni per l’inverno. “Ogni sogno che si realizza – ha detto Faleschini – è la conferma che la parola impossibile si può spostare un pochino. E’ questo il messaggio che desidero far arrivare, speciamente a persone giovani e a donne che hanno perso le loro sfumature”.

Leggi anche:  Trofeo Dossena, una donazione per Amatrice

L’autrice

L’hanno definita “Un folle uragano colorato” e nessuna definizione avrebbe potuto essere più azzeccata. Di origini friulane e romagnole, Anna Luisa Faleschini vive in provincia di Bergamo da moltissimi anni. Si autodefinisce “fortemente maestra” e da anni si occupa di accoglienza e intercultura. “L’incontro con l’altro spesso può diventare uno scontro. E’ stato difficile per me soprattuto confrontarmi con immagini maschili di alcune culture che non condivido. Ma l’essere cristiana significa per me avere l’opportunità di accettare gli altri ed essere sempre in ascolto. Ogni incontro è un’opportunità”. “Anna la ragazza dai colori” è il primo libro in prosa di Faleschini che ha però già pubblicato tre volumi di poesie. E, per il prossimo futuro, ha già in cantiere due romanzi e una quarta raccolta poetica.
Il libro si può acquistare su Amazon, sul sito di youcanprint o prenotarlo in qualsiasi libreria. La casa editrice mondadori lo sta proponendo sul proprio sito internet con il 15% di sconto. Parte del ricavato viene utilizzato per l’acquisto del materiale necessario per il progetto di Casa Samaria, a cui viene invece devoluto l’intero importo raccolto con la vendita delle fantastiche copertine.