Epatite Martinengo, ci sarebbe un terzo bimbo infetto alla scuola primaria di Martinengo. Si tratta di Epatite A, una malattia poco grave ma altamente contagiosa.

Terzo caso nella scuola

Dopo i due di settimana scorsa, è emerso in questi giorni che un terzo alunno sarebbe risultato infetto. In queste ore un gruppo di mamme ha deciso di rivolgersi direttamente all’Ats, per chiedere che la profilassi sia estesa a tutti i bambini del plesso e non solo a quelli che potenzialmente hanno utilizzato il bagno dei primi bambini infetti.  Ancora da capire comunque se l’infezione sia stata presa a scuola.  L’Istituto comprensivo al momento mantiene il riserbo e non commenta né smentisce la notizia.

 

I primi due casi settimana scorsa

Dei primi due casi si è appreso mercoledì della scorsa settimana. A comunicarlo è stato lo stesso istituto con una circolare diretta ai genitori e al personale scolastico che riporta una comunicazione del dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria dell’Ats di Bergamo.   L’Istituto aveva convocato per  venerdì scorso alunni e familiari per un incontro informativo e per vaccinare gli bambini «a rischio»: quelli che potrebbero aver frequentato lo stesso bagno in cui potrebbero essere stati anche i due bambini malati (il virus si può trasmettere per via fecale). Si tratta gli alunni maschi delle classi 3A, 3B, 3C, 4A, 4B, 4C, 4D e delle le femmine delle classi 1A, 1B, 1C, 2A, 2B, 2C, 5A, 5B, 5C. In totale, circa 200 ragazzi.

Leggi anche:  Petizione anti tir senza risposta i residenti minacciano il blocco del traffico

Contagiosa ma non grave

L’epatite di ceppo A è una malattia molto contagiosa ma non grave e facilmente curabile. I due primi casi si sono verificati in una classe delle elementari e i due coinvolti sono due ragazzini appartenenti allo nucleo familiare. Il terzo caso invece non avrebbe legami parentali con i primi due.  Leggi l’intervista all’esperto.

Profilassi per tutti

Quando la notizia del terzo caso accertato si è diffusa, alcune mamme hanno deciso di rivolgersi direttamente all’ex Asl, ora Ats, chiedendo che la profilassi già avvenuta per i bambini che frequentano il piano dei primi due casi, sia estesa a tutta la scuola.

Terzo caso in un anno nella Bassa

E’ il terzo caso in un anno nella Bassa, dopo Treviglio e Antegnate. Intanto, a Crema si sono invece verificati tre casi di scabbia.