Eventi Proloco: “Tanta pubblicità ma scarsa partecipazione”. Ecco il  Bilancio dell’associazione culturale di Romanengo che nonostante l’impegno non vede l’affluenza sperata.

Eventi per tutti i gusti ma…

Questa la sostanza dell’assemblea di martedì sera in cui i rappresentanti della Pro loco di Romanengo e alcuni abitanti si sono riuniti nella sala della rocca per condividere il programma dei prossimi eventi e migliorare il «modus operandi» dell’associazione. «Dobbiamo ringraziare le associazioni di volontariato del paese che hanno ben accolto le proposte e hanno aiutato la Pro loco per la buona riuscita delle stesse – ha esordito la presidente Maria Grazia Crotti – Anche il Comune ci ha sostenuto in più occasioni».

Qualcosa di vecchio e qualcosa di nuovo

Poi il consigliere Gianangelo Aiolfi ha letto l’elenco delle attività che si svolgeranno a breve e nell’anno a venire. Verranno riproposte manifestazioni già collaudate, ossia le bancarelle di Santa Lucia per domenica, i canti della merla davanti alla rocca il 28 gennaio. Poi ad aprile ci sarà il “Rocca Bike”, un evento per bambini con gare di mountain bike. Nel periodo di maggio la rassegna letteraria, il 16 giugno la seconda edizione della «Notte bianca», nel periodo di luglio un’esposizione serale di auto e moto d’epoca, in agosto la «Festa dello sport». Infine a Settembre la terza edizione della «Rievocazione storica», a cui sarà abbinata un’estemporanea di pittura.

Leggi anche:  Scambio d'auguri col vescovo di Crema per il "Mcl"

Tanta pubblicità ma scarso interesse

«Nella serata si è sottolineato come nonostante siano numerose le attività proposte dalla Pro, l’affluenza delle persone sia scarsa – ha commentato Matteo Polonini, uno dei membri del Direttivo – A fronte della pubblicità attraverso giornali, affissioni, Facebook, volantini nei bar e sul pannello della Pro loco, i risultati sono modesti, come hanno fatto notare alcuni. Il Consiglio ne ha preso atto e cercherà provvedimenti per sponsorizzare tutte le manifestazioni nel miglior modo, richiedendo anche la partecipazione delle scuole, ove possibile».