Torna anche quest’anno il consueto appuntamento con il Festival Rubini a Romano. Dal 25 al 27 maggio eventi e concerti invaderanno la città. E se volete saperne di più…compratevi un paio di scarpe!

Festival Rubini, la promozione on line

Oggi come oggi, nel 2018, avere un sito internet è di fondamentale importanza. Che si tratti di grandi aziende, piccoli negozi o artigiani, enti pubblici o associazioni, il sito web, insieme alle pagine sui social network, è diventato uno strumento di fondamentale importanza per farsi conoscere. Il concetto è risaputo e probabilmente lo sapevano anche gli organizzatori del Festival Rubini quando hanno creato il sito internet dedicato al concorso lirico della città di Romano. Tanto che il link del sito compare anche sulla pagina Facebook della rassegna.

Il tenore si è messo a vendere scarpe?

festival rubini

Peccato che, cliccando sul link del sito www.concorsoliricogiovanbattistarubini.it ci si ritrovi catapultati in un negozio di scarpe on line. E nemmeno si riesce a capire a quale azienda faccia riferimento. Probabilmente non è nemmeno un’azienda italiana, almeno facendo riferimento al testo di presentazione che si legge sul sito, chiaramente tradotto ( e pure male!) da una lingua straniera.
“Tutti i nostri prodotti sono direttamente dalla fabbrica, qualità autentica e pacchetti originali. I nostri prodotti sono molto apprezzati dai nostri clienti in tutto il mondo e in gran parte cogliere nel mercato di Europa e in America, come Regno Unito, Stati Uniti d’America . Quindi, siete i benvenuti al nostro sito e ritirare i vostri preferiti, godere del vostro acquisto facile e affare qui”.

Leggi anche:  Prove d'estate da venerdì, punte di 28-30 gradi

Cos’è successo?

Potrebbe sembrarvi impossibile o potreste pensare all’attacco di hacker informatici. Nulla di tutto questo. Semplicemente chi aveva fatto il sito si è dimenticato ( o ha volontariamente omesso) di rinnovare il dominio. Ogni sito internet ha un suo nome (il dominio, appunto) che va acquistato e pagato anno per anno. Se non si continua a pagare il dominio il nome del sito si “libera” e può essere acquistato da qualcun’altro. E’ un trucchetto piuttosto utilizzato, soprattutto dai negozi on line. Si prende un sito che ha tante visite, si aspetta che scada il dominio e si acquista. In questo modo ci si garantisce che un certo numero di persone vistino il negozio on line. Poco importa che stessero cercando tutt’altro.

TORNA ALLA HOME