Infopoint alla stazione Centrale di Treviglio: il Comune ha deciso di disdire l’affitto per il servizio inaugurato nel settembre del 2014. Peccato che la Pro loco, gestore del servizio, non ne sapesse niente.

Infopoint

La Giunta comunale ha deliberato a fine gennaio l’intenzione di non rinnovare il contratto di locazione per l’infopoint, situato della sala d’aspetto del principale scalo ferroviario cittadino e di proprietà della società “Centostazioni Spa”. Una decisione presa “al fine di ridurre la spesa per le locazioni passive del Comune – si legge nel documento – confermando tuttavia la volontà del Comune di sostenere iniziative di informazione e accoglienza turistica coordinandosi con tutti i soggetti che perseguono la promozione del territorio al fine di non duplicare iniziative e disperdere utili risorse”.

Pro loco ignara

Un fulmine (quasi) a ciel sereno per il presidente della Pro loco, Giorgio Zordan, che ancora non era stato informato. “Nei mesi scorsi avevamo discusso con il Comune sul futuro dell’infopoint – ha spiegato l’ex sindaco – Era emersa la possibilità di chiudere il servizio, anche perché, secondo l’Amministrazione, serviva più per dare informazioni sui trasporti che non indicazioni turistiche sul territorio. Non è quindi proprio una sorpresa. Certo, mi sarei almeno aspettato di saperlo prima che venisse pubblicata la delibera di Giunta…».

Leggi anche:  Sfratti, l'Unione Inquilini salva (per ora) una famiglia FOTO

Progetto Rendez-vous

L’infopoint, che doveva essere il biglietto da visita per chi arrivava in città via treno, quasi da subito ha funzionato tra incertezze, soprattutto economiche. La Pro loco ha comunque sempre garantito l’attività (tuttora è aperto ogni mattina), nonostante il previsto contributo del Comune sia mancato dal 2016. Anche perché lo sportello, nelle intenzioni dell’allora Giunta Pezzoni, doveva essere il primo passo del progetto “Rendez-vous a Treviglio” per la riqualificazione dell’area.