Strade provinciali ridotte a discariche a cielo aperto. Basta percorrerle e ai bordi delle carreggiate si trovano cumuli d’immondizia.

Discariche a cielo aperto

Un vero e proprio scempio. Basta percorrere le strade provinciali del trevigliese per accorgersi che sono costellate da cumuli di spazzatura. Insomma sono considerate una sorta di zona franca dagli incivili, infatti il pattume fa “bella” mostra di sè ai bordi delle carreggiate. Basta lanciare un’occhiata dal finestrino percorrendole in automobile. Vere e proprie discariche a cielo aperto.

Sp 184 bis e Sp 142

Nel nostro servizio documentiamo le condizioni in cui sono ridotte la Sp 184 bis, via Crespi a Fara Gera d’Adda, e la 142, via Cà Treviglio tra Pontirolo e Boltiere. Le piazzole di sosta presenti a margini delle strade, infatti, sembrano essere diventate i luoghi preferiti da chi la differnziata non sa nemmeno cosa sia. E ci si trova di tutto: detriti, cartacce, elettrodomestici, bottiglie, lattine, bancali, ferraglia, cartoni e chi più ne ha più ne metta.

La Provincia che fa?

Le casse della Provincia di Bergamo piangono, si sa. E lo si nota anche dalle condizioni in cui versa il manto stradale delle strade di sua competenza e dalle erbacce che proliferano industurbate, soprattutto d’estate. Erbacce che raggiungono altezze imbarazzanti e trasmettono una sensazione di disordine e trascuratezza. Tuttavia l’immondizia è davvero un pugno nello stomaco e, senza dubbio, rappresenta anche un danno ambientale.

Leggi anche:  Monumento ai caduti e cappelle è polemica