Un anno fa era balzato agli onori delle cronache come “il palazzo della Canna”. E’ la palazzina detta Nido di Zingonia. Ma questa settimana il debito con Uniacque è stato completamente saldato.

Nido di Zingonia

Dopo le “Quattro Torri” il “Nido” era uno dei palazzi più problematici di Zingonia di Verdellino. Situato davanti alla caserma dei carabinieri il complesso di 10 palazzine aveva due grandi problemi. Il primo era il debito dell’acqua. Circa 18mila euro di arretrati che l’anno scorso avevano fatto sì che Uniacque staccasse le utenze. Così il Nido era diventato famoso come “Il palazzo della canna”. Il secondo problema erano invece i clienti degli spacciatori. Entravano con la macchina nel cortile del Nido per scambiare denaro e droga sulla recinzione che confina con le Quattro Torri.

La chiusura al “traffico”

Già da diverso tempo uno dei due problemi era stato risolto. Il Nido infatti è stato chiuso al “traffico”, in tutti i sensi. I panettoni posizionati all’ingresso del cortile che dà sulla strada impediscono ora ai clienti degli spacciatori di accedere al complesso. Un intervento reso possibile grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione comunale e gli amministratori dei condomini.

Leggi anche:  Sole e caldo nel weekend, tempo variabile il 25 aprile PREVISIONI METEO

Debito azzerato

Questa settimana i residenti del Nido hanno finito di pagare il loro debito con Uniacque. Lo ha annunciato il consigliere con delega alle Politiche abitative Fabio Calenzo: “In un anno molte cose sono cambiate. Le palazzine del Nido stanno realizzando un processo di miglioramento mai visto negli ultimi 10 anni. Questo grazie alla collaborazione dei residenti e degli amministratori di condominio e grazie alle direttive consigliate dalla nostra Amministrazione. Da mercoledì il famoso condominio ” della canna ” e’ in regola con il pagamento dell’acqua. E’ stato infatti totalmente azzerato il debito pregresso. Sono stati estinti 18mila euro di debito in un solo anno”.