Tendone guasto e al Pronto soccorso si gela. A segnalarlo sono stati alcuni pazienti che in questi giorni si sono recati al Pronto soccorso del nosocomio trevigliese e si sono trovati a dover fare i conti anche una temperatura non proprio confortevole.

Tendone guasto al Pronto soccorso

Tutta colpa, a quanto pare, di un guasto al tendone elettrico che consente l’ingresso delle ambulanze alla zona del Pronto soccorso. Il tendone, che ora resta aperto per permettere il passaggio dei mezzi, è la prima barriera contro le temperature gelide di questi giorni. L’andirivieni degli utenti e del personale dalle porte scorrevoli che danno accesso alla “stanza calda” ha fatto il resto. Della “stanza calda” adesso resta ben poco.

Tutti in attesa col cappotto

Si sa l’attesa al Pronto soccorso non è mai una cosa piacevole e spesso ha dei tempi davvero lunghi. Quattro o più ore fermi su una sedia ad aspettare il proprio turno mettono tutti a dura prova, ma col freddo la situazione peggiora. Restare in attesa, magari doloranti, con sciarpa, cappello e cappotto per combattere il freddo non è certo piacevole.

Leggi anche:  Infortuni sul lavoro, aumentati i controlli

Il riscaldamento funziona

“Si tratta di un guasto già segnalato – hanno fatto sapere dall’ospedale – ma trovare la ditta disponibile sotto le feste di Natale è davvero difficile. Bisognerà attendere che venga sistemato o sostituito. Nel frattempo è buona norma cercare di far aprire le porte scorrevoli il meno possibile per mantenere il caldo all’interno della sala. Il riscaldamento, infatti, funziona perfettamente”.