Emozionante performance del tenore di Zingonia Guillermo Dominguez e del pianista ciseranese Giancarlo Colleoni al Bcc cafè di Caravaggio.

Il tenore di Zingonia

La bellezza e l’arte a volte si celano nei posti più inaspettati. Difficilmente qualcuno avrebbe pensato che all’ultimo piano di una delle famigerate torri di Zingonia potesse vivere uno degli artisti più quotati dell’intera provincia.   Guillermo Dominguez è nato in Venezuela dove ha iniziato i suoi studi musicali e successivamente, quelli di canto con il tenore José Castro. Si è diplomato al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino nel 1985 con il massimo dei voti e la lode. Dopo aver debuttato, sempre nel 1985, al teatro comunale di Treviso nel ruolo di Rodolfo nella Boheme di Puccini, Dominguez ha cantato nei principali teatri europei e non solo. Nel corso della sua carriera Dominguez ha anche vinto diversi concorsi internazionali, tra cui il “Concorso Lartinoamericano di Canto” di Caracas, il “Toti dal Monte” di Treviso, il “Voci Verdiane” di Busseto e il “Belvedere” di Vienna.

Il pianista del Papa

Bergamasco doc, come si evince dal cognome “illustre”, Giancarlo Colleoni si è diplomato nel 1973 in pianoforte e in composizione al Donizetti di Bergamo. Successivamente, a Brescia, si è diplomato anche in organo. Colleoni abita a Ciserano ma, dal 1980, insegna “teoria e solfeggio” e “linguaggio musicale” all’istituto Donizetti di Bergamo.
Nel 2012 una sua orchestrazione di un brano di Salieri è stata eseguita durante la grande messa per l’incontro mondiale per le famiglie celebrata da Benedetto XVI in visita a Milano.

Leggi anche:  Dopo Fonte Viva, chiude anche il Campanile a Caravaggio

La serata al Bccafè

Nel cortile esterno del Bccafè di Caravaggio, dove era allestita anche una mostra di incisioni con opere di Trento Longaretti,  i due artisti si sono esibiti in un “concerto per amici”, come loro stessi l’hanno definito. Musiche di Chopin e Mozart e famose arie d’opera di Verdi e Puccini hanno incantato il pubblico, contagiato poi dall’allegria delle melodie napoletane interpretate con entusiasmo dal tenore venezuelano. “Un omaggio al sud – ha detto Dominguez – e a tutti i miei amici del sud che vivono e lavorano a Ciserano e Zingonia”.  Grande è stata la partecipazione degli spettatori sulle note di intramontabili melodie come “O sole mio” , “Granada” o “Tu che mi hai preso il cuor”.