Un progetto da milione di euro è pronto per far rinascere le piscine di Romano.

I problemi dell’impianto

E’ iniziato il conto alla rovescia per la riqualificazione dell’impianto natatorio, storicamente afflitto da problemi strutturali che fin dalla nascita rappresentano i peggiori incubi per i gestori che si sono succeduti. Dall’impianto di ricircolo dell’aria, completamente sbagliato, che risucchia aria a livello del pavimento e la emette, calda, al soffitto, generando un gran caldo, al bar rialzato e freddo a livello delle vasche. L’acqua ristagna, il tetto perde acqua; la coibentazione praticamente non esiste, anche la piscina dei bambini è esposta agli spifferi, i muri sono scrostati e gli infissi da sostituire.

La soluzione di Nicoli

Problemi che erano emersi a febbraio 2014, alla vigilia delle ultime elezioni amministrative e che erano stati argomento di discussione tra i candidati in corsa. Tra tutti il sindaco Sebastian Nicoli che aveva già pensato ad una proposta che settimana prossima potrebbe concretizzarsi.La scelta è ricaduta sul “project financing”, un’operazione di tecnica di finanziamento a lungo termine di un progetto in cui il ristoro del finanziamento stesso è garantito dai flussi di cassa previsti dalla attività di gestione o esercizio dell’opera stessa.

Leggi anche:  Addio Luciano Zuffetti, pilastro della comunità

Il progetto

L’Amministrazione comunale ha affidato ad uno studio tecnico la progettazione dell’intervento, che una volta approvato verrà messo a bando. Gli interventi richiesti riguardano il rifacimento completo dell’impiantistica idraulica ed elettrica, degli spogliatoi e degli isolamenti dei locali, infissi compresi. I privati che parteciperanno al bando dovranno eseguire questi interventi e apportare delle migliorie, si spera. E’ risaputo che le dimensioni della vasca non sono conformi agli standard richiesti per accogliere manifestazioni sportive. I costi previsti si aggirano intorno ad un milione di euro.”E’ un primo passo per risolvere un problema, quello delle piscine che affligge Romano da molti anni – ha detto il sindaco Sebastian Nicoli – La soluzione a cui abbiamo pensato consente agli utenti di avere un servizio di qualità e ai gestori di poter operare con una struttura all’avanguardia”.