Quali sono i vantaggi dell’energia solare per la casa? In primis si taglia la bolletta e, contemporaneamente, si usufruisce delle varie agevolazioni statali. Pannelli solari termici e impianto fotovoltaico: sono questi gli investimenti da mettere in conto per migliorare l’efficienza energetica e la qualità dell’abitare nella propria casa. I pannelli solari termici permettono di riscaldare l’acqua sanitaria per l’uso quotidiano senza utilizzare gas o elettricità e d’inverno, di integrare l’impianto di riscaldamento. Sono pertanto un sostituto dello scaldabagno elettrico e della caldaia a gas per ottenere acqua calda per lavare piatti, fare la doccia, il bagno ecc.

I vantaggi dell’energia solare per la casa

In Italia godiamo di un’insolazione media di 1500 kWh/m2 ogni anno: grazie a essa passando al solare termico il risparmio di gas metano ed energia elettrica utilizzata per gli scaldabagno elettrici sarebbe senz’altro ingente, tale da ammortizzare l’investimento solo in 6-7 anni. Negli ultimi anni i rendimenti d’uso dei pannelli sono fortemente migliorati rispetto al passato per effetto dei crescenti investimenti dei produttori nella ricerca di innovazioni. I pannelli fotovoltaici producono corrente elettrica grazie ai raggi del sole. Per convertire l’energia solare in elettricità occorrono i semiconduttori (come il silicio), utilizzati per la produzione dei pannelli da sistemare sul tetto, a loro volta contenenti cellule fotovoltaiche. Il silicio (attualmente uno dei semiconduttori più performanti e convenienti) è utilizzato proprio in queste cellule.

Leggi anche:  Controllare l'impianto di riscaldamento in primavera

Consumata direttamente o accumulata

Si ottiene così l’elettricità che potrà essere consumata direttamente o accumulata. Il consumo domestico immediato, generalmente, avviene in quegli impianti connessi alla rete elettrica pubblica dalla quale possono attingere energia quando la produzione fotovoltaica è praticamente nulla, evitando black-out (per esempio di notte); d’altra parte un impianto fotovoltaico isolato (per esempio in una zona del territorio non elettrificata, come in alta montagna) potrà accumulare la corrente elettrica in apposite batterie rendendola disponibile all’occorrenza. L’energia prodotta in surplus dagli impianti fotovoltaici connessi in rete, infine, potrà essere utilizzata in compensazione risparmiando sulla bolletta.