Sfilata con benedizione questa mattina a Fara d’Adda, in occasione del 25 aprile. Il sindaco Armando Pecis ha infatti colto l’occasione della celebrazione della Liberazione per un importante “taglio del nastro”, al termine dei lavori per l’ampliamento del cimitero.

La sfilata con i ragazzi

La sfilata è partita da piazza Patrioti, presenti le principali associazioni d’arma del paese. Dietro, i ragazzi delle elementari e delle medie, con uno stuolo di Tricolori che hanno colorato di rosso, bianco e verde le strade faresi fino all’arrivo al monumento ai Caduti del cimitero. Deposizione della corona d’alloro e infine la cerimonia di benedizione della nuova struttura.

La nuova ala del cimitero

Pecis ha parlato di “soddisfazione e orgoglio” per un’opera pubblica che aveva promesso in campagna elettorale e che l’Amministrazione è riuscita a portare a casa. E non ha mancato di ringraziare il suo gruppo. L’investimento per la realizzazione dell’ala cimiteriale è stato di 256mila euro. Nella struttura è stato previsto anche un locale magazzino sono stati rifatti i servizi igienici.

Anpi raccoglie firme contro i Fascismi

Dopo l’inaugurazione, il corteo ha proseguito la sua marcia fino alla chiesa parrocchiale. Poi, dopo la messa solenne per i caduti di tutte le guerre, tutti si sono diretti al “Parco delle Rimembranze” e anche qui il sindaco ha reso omaggio a coloro che sacrificarono la vita per la Patria. Anche i ragazzi hanno fatto un intervento, così come l’Anpi. Dopo aver ricordato i caduti faresi uno a uno, ha rivelato un’iniziativa.

Leggi anche:  A scuola dagli avieri, ecco i vincitori del concorso "Il volo"

“Da mesi abbiamo iniziato, insieme a decine di associazioni, una campagna di raccolta di firme “Mai più fascismi” indirizzata alle Amministrazioni pubbliche. Molte hanno accettato. Nei mesi scorsi abbiamo fatto questa proposta anche al Comune, chiedendo di attivarsi per non dare voce nella nostra comunità a chi non riconosce nella Costituzione le stesse aspirazioni di  libertà che Fara nel passato ha espresso”.