Angelo Giroletti, candidato sindaco nelle ultime elezioni alla testa di «Agnadello domani» e volontario dell’associazione «Boschiroli» si è spento dopo lunga malattia.

Angelo Giroletti stroncato dal cancro

Tutti in paese sapevano delle sue gravi condizioni di salute ed erano preparati al peggio. Ma quando stamattina si è sparsa la notizia della sua dipartita, avvenuta mercoledì sera all’hospice «Kennedy» di Crema, è stato un duro colpo per tutti.
Sessantenne, sposato con Giovanna Maffioli e padre di Alice e Matteo, era un volto conosciuto della politica agnadellese e direttore logistico di un’azienda di trasporti e insegnante per la formazione del personale in pensione.

L’impegno politico

Negli anni Novanta era stato in lista con l’attuale sindaco Giovanni Calderara ricoprendo la carica di assessore allo Sport. Nel 2014 aveva poi deciso di tornare a impegnarsi per dare un’impronta popolare a una lista civica che aveva poco a che fare con i partiti. Fondamentale per Giroletti anche il ruolo del sociale. Proprio lui, infatti, fu tra i fondatori dell’associazione volontari «Boschiroli» che opera in paese a sevizio dei più deboli.

Leggi anche:  Festa dei popoli inizia alla grande

Il ricordo del primo cittadino

«Da anni combatteva contro il cancro, di cui parlava senza nascondere nulla – ha raccontato il primo cittadino – Con lui ho sempre avuto buoni rapporti, anche fuori dall’Amministrazione comunale: per un certo periodo, infatti, ha lavorato per una società che svolgeva dei servizi sui pozzi petroliferi dove mi trovavo io e lo vedevo arrivare sugli impianti. Anche quando si è candidato nel 2014 non l’ho mai visto come un rivale. Ho sempre avuto rispetto per lui e sono molto dispiaciuto per la sua scomparsa e per quello che ha sofferto. Esprimo le mie più sentite condoglianze alla famiglia anche a nome di tutta l’Amministrazione. Parteciperemo ai funerali in forma ufficiale».

La funzione è prevista per sabato alle 15 nella parrocchiale.