Ai domiciliari per spaccio, aggredisce la compagna e la manda in ospedale. In carcere 58enne italiano per violenza domestica.

In prigione tra le mura di casa

E’ stato arrestato ieri dai carabinieri un 58enne italiano, residente a Verdellino. La vicenda si trascinava da tempo. I carabinieri hanno ricostruito lunghi mesi di violenze, lesioni e umiliazioni pressoché quotidiane. Sputi e insulti si trasformavano spesso per la donna, molto più giovane di lui, in botte, ogni volta che la ragazza non lo assecondava nelle sue richieste. Una violenza continua. L’uomo, ai domiciliari per droga, non le dava tregua. E in prigione c’era lei, chiusa tra le quattro mura di casa.

Tre giorni in ospedale

Nei giorni scorsi l’ennesimo episodio, particolarmente violento. La donna è finita ricoverata per tre giorni in ospedale e la gravità della situazione familiare è stata palese. I Servizi Sociali e il Centro Antiviolenza sono subito intervenuti per dare supporto e sostegno psicologico alla donna maltrattata. Su richiesta dei carabinieri, ieri è anche finalmente stato ordinato dall’Autorità giudiziaria il provvedimento restrittivo di conversione dei domiciliari in carcere.

Leggi anche:  Comunica l’ospitalità in Comune esibendo un passaporto falso

“Denunciate ogni abuso”

“Ancora una volta è importante sottolineare come sia fondamentale denunciare tempestivamente ai carabinieri ogni situazione di abuso e violenza, anche quando tutto ciò si consuma all’interno delle mura domestiche o comunque nei contesti relazionali affettivi” è il consiglio dell’Arma trevigliese, guidata dal capitano Davide Papasodaro.

La Rete antiviolenza nella Bassa: ecco a chi rivolgersi

Al 112, ovviamente. Ma nella Bassa è attivo dal 2013 anche un tavolo pubblico, per contrastare la violenza di genere e aiutare le donne vittime della violenza. E’ la Rete interistituzionale per la prevenzione, contrasto e sostegno a favore di donne vittime di violenza (LEGGI DI PIU’).  Tra le proposte più recenti, c’è  “Non sei sola”, oltre a quella di realizzare uno sportello per le donne nel territorio dell’Ambito di Romano.