Un pezzo della storia agricola di Brignano se n’è andato. Si è spento la scorsa settimana all’età di 86 anni Pietro Leoni, un’intera vita dedicata alla coltivazione dei campi e all’allevamento del bestiame.

I valori tramandati ai figli

Un’eredità di valori autentici, fatti di impegno e dedizione, di amore per il proprio lavoro e per la famiglia che Pietro ha tramandato ai figli. Alle figlie Liliana e Veronica, e ai figli Arrigo Isacco, Zaccheo e Mosè. Sono i maschi che, insieme, portano avanti la «Società agricola Leoni Galimberti», creata dal padre e dalla madre Olga Galimberti (scomparsa due anni fa) che era la «donna forte» della famiglia alla Cascina Fornaroli di via Cologno 19.

Pietro Leoni: famiglia e lavoro

Pietro Leoni ha lavorato in cascina sino a 79 anni. Era dedito al suo lavoro ed amava profondamente la famiglia. Se n’è andato serenamente, nella sua cascina, tra i suoi affetti. La malattia, un tumore al pancreas diagnosticato a fine novembre, è stata rapida. “Ci consola il fatto che non abbia sofferto” hannno detto i figli.

Leggi anche:  Droga ai domiciliari, si è fatto "pizzicare" di nuovo ed è finito in carcere

Un pezzo di storia agricola del paese che se ne va

Nel corso degli anni Pietro ha vissuto il passaggio da un’agricoltura di sussistenza, tipica delle cascine nel dopoguerra, a quella un po’ più industrializzata dei giorni nostri. La sua azienda agricola oggi vede al timone i tre figli di Pietro, che con coraggio e dedizione hanno raccolto il testimone dai genitori. L’allevamento conta 250 bovini. La produzione e la vendita del latte sono la principale attività della società agricola che coltiva 2.500 pertiche di terreno, a cereali e foraggio.

Leggi tutto sul Giornale di Treviglio in edicola domani, venerdì 12 gennaio