E’ la nuova frontiera del furto di carburante, pare. Una quasi-rapina, ai danni di chi paga il rifornimento con il bancomat. Digiti, e ti rubano il pieno,  sfruttando i pochi secondi tra l’attivazione del pagamento da Pos e l’effettiva erogazione della benzina.

Derubata una ragazza

Vittima del colpo, domenica sera, una ragazza. Si è fermata a fare benzina al distributore. Ha inserito il bancomat, digitato il pin. E poi è stata letteralmente minacciata perché spostasse l’auto. In modo che la benzina, al suo posto, la facessero un gruppo di  banditi.

L’allarme su Facebook

L’allarme è stato pubblicato questa mattina sul gruppo Controllo del vicinato di Romano. Vittima una ragazza che si era fermata secondo la testimonianza dell’autore del post a fare benzina ad un distributore cittadino. A pubblicarlo, l’ex vicesindaco e co-fondatore del Controllo del vicinato Mario Suardi.

 “Una ragazza si è fermata a fare benzina usando la carta di credito per il pagamento, dopo avere digitato il pin gli si sono avvicinati tre individui ben messi dall’accento erano probabilmente dell’est europeo, rivolgendosi a lei in malo modo e con fare minaccioso di spostarsi, al che lei molto spaventata e in preda al panico recupera velocemente la carta di credito e scappa. Cosi i malviventi hanno potuto fare benzina con i soldi pagati dalla ragazza. Una raccomandazione specialmente alle donne, cercate di non fermarvi mai in posti isolati da sole la sera tardi, ne per fare benzina o qualsiasi altra cosa, è molto pericoloso”.

Non è noto al momento se siano state sporte denunce ufficiali. L’allarme è circolato sui gruppi WhatsApp dell’associazione romanese.