Hanno compiuto dodici rapine nei supermercati in mezza Lombardia, tra cui anche diversi nel Cremasco e nella Bassa. Identificati i banditi: due pregiudicati italiani già in carcere per altri crimini.

Beccati rapinatori dei supermercati

Si tratta di due cittadini italiani, contro i quali ora si procederà per rapina in concorso, continuata e aggravata ai danni di 12 supermercati.  Ma non è stato necessario arrestarli: entrambi erano già in carcere a  Piacenza e Reggio Emilia, dove li ha raggiunti l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip  del Tribunale di Pavia su richiesta della Procura della Repubblica.

Chi sono?

Si tratta di V.E., 33enne di nazionalità italiana, residente a Landriano (PV), celibe, nullafacente, pregiudicato, attualmente rinchiuso nel Carcere di Piacenza per altri motivi.  E di Z.L., 42enne di nazionalità italiana, residente a Lodi celibe, nullafacente, pregiudicato, attualmente rinchiuso Carcere di Reggio Emilia, anch’esso incarcerato  per altri reati. Sulle loro teste pende ora anche l’accusa di reati di rapina continuata e aggravata, furto, ricettazione e porto illegale di armi.

Leggi anche:  Lite tra parenti in strada, accoltellato un 31enne

Un anno di indagini

L’ininterrotta attività investigativa condotta dai Carabinieri della Compagnia di Stradella,  avviata il 2 febbraio 2017 a seguito della rapina in danno del supermercato  MD  di Chignolo Po (PV), ha portato all’individuazione dei due rapinatori. Sono emerse altre 11 rapine commesse tra i mesi di gennaio e febbraio 2017, a danno di altrettanti supermercati nella provincia di Milano, Lodi, Bergamo, Cremona, Como, Mantova, Parma e Alessandria.

Modus operandi identico

E’ emerso che i due rapinatori utilizzavano sempre lo stesso modus operanti. I due giungevano nei pressi dell’obiettivo con un’autovettura presa a noleggio, su cui poco prima apponevano delle targhe rubate. Uno dei due rapinatori, sempre celato dietro una maschera ed armato di pistola o di coltello, irrompeva all’interno del supermercato, facendosi consegnare il denaro della cassa dal personale per poi darsi alla fuga con il complice al volante che svolgeva pure le funzioni di palo.