Funerali sospesi per padre Vito Groppelli, il sacerdote travolto e ucciso da un’automobile venerdì sera, mentre tornava dalla messa.  La celebrazione si sarebbe dovuta tenere domani alle 15 in parrocchiale.

Funerali sospesi

La Diocesi di Crema ha fatto sapere che è stata sospesa la data per i funerali di padre Vito Groppelli che si sarebbero dovuti tenere domani, martedì, in chiesa parrocchiale a Offanengo. “Non è infatti possibile stabilire una data fin quando la salma, attualmente a disposizione del magistrato all’obitorio di Cremona, non verrà consegnata alla famiglia”, hanno fatto sapere in una nota.

Offanengo in lutto per padre Vito Groppelli

Il sacerdote originario di Crespiatica viveva ultimamente a Offanengo, dove ha alcuni parenti. Per circa trent’anni era stato invece in Brasile, come missionario. Una vita intensa, la sua, stroncata tragicamente da un investimento che pare assurdo.  Settantotto anni, padre Vito Groppelli  è stato centrato in pieno da una Punto, mentre attraversava la Provinciale di ritorno da messa. Stava tornando a casa.

L’incidente venerdì sera

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19 sulla Provinciale  che attraversa il paese. Inutili i soccorsi, arrivati sul posto in codice giallo. Le condizioni dell’anziano  sono precipitate e non c’è stato nulla da fare.

 

Leggi anche:  Volley B1 femminile girone A, parte il rush finale dell’Abo Offanengo verso il traguardo dei play off

Il vescovo prega sul posto

Sul posto si è recato immediatamente anche il vescovo di Crema Daniele Gianotti, per una preghiera. Anche un nipote, venerdì sera, ha ricordato lo zio come un uomo giusto e buono, che “ha sempre dato tutto agli altri e per gli altri.  Non è giusto che sia morto così”.

Padre Vito Groppelli
Padre Vito Groppelli: il vescovo prega sulla salma

Missionario fidei donum

Nato nel luglio del 1939 a Crespiatica, è stato ordinato  nel 1964.  E’ stato vicario parrocchiale a Scannabue dal 1964 al 1969, poi a San Michele fino al 1972 quando è partito come sacerdote secolare in Brasile. Vi è rimasto per trent’anni, fino al 2002. Poi cinque anni di nuovo in Italia, a Ortona. E infine la ripartenza come missionario fidei donum fino allo scorso anno, quando si è ritirato per motivi di età e di salute. Era ospite in questi giorni da parenti a Offanengo. Questa sera non poteva mancare alla messa serale dell’Immacolata. La tragedia al rientro a casa, lungo un tratto molto buio di Provinciale.