Arrestato dai Carabinieri e portato in carcere un imbianchino condannato a 3 anni e mezzo di reclusione. Applicate anche pesanti pene accessorie.

Imbianchino condannato

Ieri sera i Carabinieri della Stazione di Martinengo, dipendenti dalla Compagnia di Treviglio, si sono presentati a casa di un imbianchino di 42 anni di Ghisalba. Hanno dato esecuzione nei suoi confronti un cumulo pene di circa 3 anni e mezzo di reclusione. Si tratta di due distinte condanne per episodi risalenti ad alcuni anni fa (2006-2008), ora divenute esecutive. I militari dell’Arma hanno così arrestato l’uomo. E’ stato subito tradotto in carcere a Bergamo, al fine così di scontare la sua pena.

Non potrà avere un’impresa per 10 anni

Quali pene accessorie, sono state inoltre applicate al 42enne l’interdizione dei pubblici uffici di 5 anni.  Ma anche l’inabilitazione all’esercizio di un’impresa commerciale per 10 anni. Gli è stata poi comminata l’incapacità dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese per 10 anni. Il provvedimento di esecuzione di pene concorrenti è stato emesso nei giorni scorsi dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Generale della Repubblica di Brescia peri reati di bancarotta fraudolenta ed altri reati fiscali, nonché simulazione di reato.A distanza di tempo, quindi, si è definitivamente conclusa un’articolata vicenda giudiziaria, culminata appunto con la carcerazione del condannato.