Anche nel fine settimana appena trascorso, i Carabinieri della Compagnia di Treviglio, supportati altresì dai militari della C.I.O. (Compagnia di Intervento Operativo) del 3° Reggimento Carabinieri “Lombardia” di Milano, hanno messo in atto un nuovo pattuglioneper il controllo straordinario del territorio, al fine così di contrastare le diverse fenomenologie criminali. Come sempre, anche questa volta, non sono mancati i consueti risultati operativi in termini di repressione:

Due arresti a Dalmine

A Dalmine i Carabinieri della locale Stazione CC, unitamente ai militari della C.I.O. del 3^ Reggimento “Lombardia”,  hanno arrestato su ordinanza di custodia cautelare un marocchino 38enne. Lo straniero, ricercato da oltre un mese a seguito dell’emissione a suo carico di un provvedimento restrittivo da parte del GIP del Tribunale di Trento, è stato rintracciato in un albergo della città. La misura custodiale a carico del marocchino è da ricondurre a contestazioni per spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo le formalità di rito, l’extracomunitario è stato quindi tradotto al carcere di Bergamo.
Sempre a Dalmine , i Carabinieri della locale Stazione , unitamente ai militari della C.I.O. del 3^ Reggimento “Lombardia”, hanno arrestato in flagranza per evasione di reato un albanese 27enne. L’uomo, fermato fuori dal casello autostradale di Dalmine (BG) durante un ordinario posto di controllo, è risultato inottemperante alla detenzione domiciliare impostagli dal Tribunale di Verona in conseguenza dei suoi precedenti penali. Lo straniero, dopo le formalità di rito, veniva quindi ristretto temporaneamente nelle camere di sicurezza della Compagnia di Treviglio, in attesa dell’udienza di convalida davanti al Tribunale di Bergamo.

Clandestino arrestato a Boltiere

A Boltiere, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Treviglio hannoarrestato i n flagranza di reato un marocchino 39enne per reingresso illegale nel territorio italiano. Lo straniero, dopo essere stato espulso dall’Italia nel 2016 tramite la frontiera aeroportuale di Milano-Malpensa, ha fatto illegalmente reingresso in Italia. Dopo il relativo arresto, il magrebino è stato quindi ristretto nelle camere di sicurezza della Compagnia di Treviglio, in attesa dell’udienza di convalida davanti al Tribunale di Bergamo.

Mozzanica  guardia giurata denunciata per minacce e percosse

A Mozzanica (BG),i Carabinieri della Stazione di Caravaggio hanno denunciato in stato di libertà per minacce gravi nonché percosse una guardia giurata particolare di 36 anni, residente nella Bassa Bergamasca, dopo che quest’ultima, per futili motivi, all’interno di una sala slot di tale Centro, avrebbe minacciato con l’arma in dotazione un nigeriano 46enne, addetto alla sicurezza nell’esercizio in questione. Alla guardia giurata venivano quindi sequestrate l’arma ed il relativo munizionamento, anche ai fini dell’avvio a suo carico della procedura amministrativa di divieto di detenzione armi tramite la Prefettura di Bergamo.

Canonica, denunciato un clandestino

A Canonica d’Adda (BG), i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Treviglio hanno denunciato in stato di libertà per inosservanza dell’ordine di espulsione un marocchino 27enne risultato inottemperante al provvedimento di allontanamento dal territorio italiano emesso nei suoi riguardi dal Questore di Ragusa. Oltre al deferimento alla Magistratura Bergamasca, nei confronti dello straniero veniva altresì avviata la procedura di espulsione dal territorio nazionale tramite l’Ufficio Stranieri del capoluogo.

Leggi anche:  Tentano di rubare di nuovo il furgoncino ma scatta l'allarme

Verdellino, denunciato albanese per porto d’arma abusivo

A Verdellino (BG), i Carabinieri della Stazione di Zingonia hanno denunciato in stato di libertà per lesioni personali aggravate e porto abusivo di arma bianca un albanese 46enne. Lo straniero, domiciliato a Osio Sopra (BG), per futili motivi, avrebbe accoltellato al torace un marocchino 37enne, clandestino sul territorio nazionale, all’interno di una sala slot. A seguito delle lesioni patite, l’accoltellato, tra l’altro clandestino sul territorio nazionale, è stato sottoposto a cure mediche, ottenendo al riguardo una prognosi di gg. 10 (dieci) s.c..  La posizione dell’aggressore è ora al vaglio dell’A.G. di Bergamo.

Ciserano, marocchino tenta di depistare i carabinieri, denunciato

Ciserano, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Treviglio hanno denunciato in stato di libertà per simulazione di reato un marocchino 35enne residente a Brignano Gera d’Adda (BG). L’uomo, probabilmente per “coprire” alcuni suoi connazionali dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti, dopo aver loro prestato la propria autovettura, per “depistare” i militari dell’Arma, ne avrebbe poi denunciato falsamente il furto ad opera di ignoti. I riscontri successivi dei Carabinieri ed infine anche l’ammissione dell’uomo hanno quindi determinato il relativo deferimento in stato di libertà alla Magistratura di Bergamo.

Treviglio, denunciata senegalese per un furto all’Ipercoop

A Treviglio i Carabinieri della Stazione di Caravaggio hanno denunciato in stato di libertà per furto aggravato una 21enne senegalese, domiciliata in provincia di Como, dopo che la stessa era stata fermata all’interno dell’Ipercoop a seguito di un furto. La refurtiva sottratta dalla giovane, del valore di alcune decine di euro, è stata restituita dai militari alla proprietà dell’esercizio.

In macchina con la coca, deferito alla prefettura

A Osio Sotto (BG), i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Treviglio hanno deferito amministrativamente alla Prefettura di Bergamo un 26enne della provincia di Milano trovato in possesso di una dose di cocaina durante un ordinario controllo del territorio. Al giovane veniva inoltre immediatamente ritirata la patente di guida per la successiva sospensione amministrativa.

Maxi pattugliamento, è solo l’inizio

Quello di questo finesettimana non è stato che l’inizio di una serie di controlli. Si annunciano a “stretto giro” ulteriori servizi straordinari di controllo del territorio da parte dei Carabinieri della Compagnia di Treviglio per garantire così l’ordine e la sicurezza pubblica nei 52 Comuni della Bassa Bergamasca.