E’ toccante, personale e profondo il ricordo di un paziente che si è fidato e affidato a lei per guarire. Un ringraziamento che per un chirurgo, come era Ida Maddalena Milanesi, vale più di qualsiasi ricompensa.

Il ricordo

Lo ha voluto condividere con noi un paziente, Franco Celano, che per 11 anni è rimasto in cura al Besta seguito proprio dalla dottoressa Milanesi per un neurinoma del nervo acustico.

“Medico, mamma e sposa meravigliosa. Non ho parole per definire la tua dolcezza Maddalena. La mia testa era a soqquadro, mi sono fidato di te, mi sono affidato a te. Per 11 anni hai seguito il mio caso, senza tralasciare nulla. E ora ti piango cara amica mia. Vieni a trovarmi, mi dicevi. Staremo un giorno insieme, così troverò un poco di riposo. Ora mi resterà il ricordo di te, meraviglioso ricordo. Non so come riuscirò a mettere piede al Besta, senza incontrarti. Riposi la tua anima nella pace dei giusti. Sai, mi diceva, mi voglio avvicinare anch’io al tuo Dio. Ciao dottoressa”.

La tragedia sui binari

La vita di Ida Maddalena Milanesi, invece, si è spezzata questa mattina, giovedì, sui binari che la stavano portando al lavoro, come ogni giorno. C’è anche lei, dirigente medico 61enne, di Caravaggio, tra le tre vittime del terribile incidente ferroviario avvenuto poco prima delle 7 a Pioltello.

Leggi anche:  Allarme truffe a Pognano, finto avvocato chiede 10mila euro