Da questa mattina gli agenti del Commissariato di Treviglio sono impegnati a indagare circa i furti perpetrati nella notte da una banda specializzata nella razzia di trattori e macchine agricole.

Primo raid in campagna: via i trattori

In una cascina poco distante dal luogo del primo raid dopo aver infranto il vetro di una finestra i ladri sono entrati in un garage e da lì alla lavanderia cercando di rubare del materiale. Poco dopo si sono intrufolati in un capannone di una seconda cascina tra Arcene e Treviglio in cui erano ricoverati i mezzi agricoli e si sono portati via 3 trattori marca Same e una gru sollevatore telescopico marca Merlo.

La gru finisce nel canale

Durante la fuga, però i malviventi hanno perso il controllo della gru sollevatore finendo all’interno di un canale utilizzato per l’irrigazione, dove lo hanno abbandonato ribaltato e danneggiato, mentre si davano alla fuga attraverso i campi con i tre trattori.

Abbandonati a Castel Cerreto

A seguito dell’intervento delle volanti del Commissariato la banda ha abbandonato i trattori in via Canonica a Castel Cerreto. Prima però hanno cercato di nasconderli nella vegetazione e si sono portati via le chiavi. Tutto inutile. I veicoli dopo i rilievi effettuati da personale locale Polizia Scientifica, che ha rilevato alcuni frammenti di impronte utili alle indagini, sono stati restituiti al legittimo proprietario.

Leggi anche:  Rifiuti abbandonati, il M5S propone le fototrappole

Vandalizzata la pista pedonale del Cerreto

I ladri per sfuggire agli agenti hanno quindi attraversato con i trattori i campi fino a raggiungere a Castel Cerreto in località Madonna di Lourdes, dove hanno percorso un tratto della pista pedonale danneggiando l’arredo urbano e panchine e abbattendo parte della recinzione.

La fuga in auto

Non contenti, in via Canonica gli stessi nel probabile intento di allontanarsi hanno rubato una Peugeot 206 ma dopo circa cento metri sono stati costretti ad abbandonarla in un fondo agricolo e a proseguire a piedi.
Le indagini proseguono con la collaborazione della Polizia Scientifica per la ricerca di altre impronte e l’acquisizione dei filmati delle telecamere di sorveglianza.