Scippatore seriale a Caravaggio, svolta nelle indagini: denunciato un 26enne con precedenti penali. I carabinieri della stazione cittadina hanno finalmente dato un volto e un nome al giovane che, tra ottobre e novembre, ha compiuto almeno tre furti con strappo e altrettanti furti in bar o locali. Il tutto sempre nell’ambito del Comune di Caravaggio.

Scippatore seriale

Lo scippatore seriale, originario della Puglia e con alle spalle già diversi precedenti di polizia e penali anche specifici, è stato infatti individuato dopo indagini certosine compiute dai militari dell’Arma, sia con metodi tradizionali che con procedure tecniche. Le vittime degli scippi sono state in prevalenza anziane ultrasettantenni che, in particolare in orario pomeridiano, hanno subito il furto con strappo della propria borsa con all’interno gli effetti personali e non solo. Lo stesso modus operandi e la stessa “zona”, hanno indotto gli investigatori a ritenere che si trattasse della stessa “mano”.

Stesso modus operandi

L’autore degli scippi si muoveva di solito a bordo di una bicicletta e colpiva vittime sole e di età avanzata. Due delle persone offese sono state addirittura derubate dopo essere state nello stesso salone di acconciature, facendo così emergere una sorta di loro monitoraggio da parte dello scippatore seriale. Insomma, non si trattava di vittime occasionali. Oltre agli scippi, il 26enne aveva compiuto  anche dei furti con destrezza all’interno di alcuni bar di Caravaggio (nell’immagine il giovane ripreso durante uno dei colpi) . La comparazione fisiognomica ha dato conferma che si trattava della medesima persona protagonista degli scippi.

Leggi anche:  Incendio a Pianengo, salvata donna di 98 anni

Il cerchio è chiuso

Chiuso il cerchio, grazie soprattutto alle immagini di video-sorveglianza analizzate in maniera certosina dai carabinieri in collaborazione con la Polizia locale di Caravaggio, si è quindi arrivati all’identificazione dello scippatore seriale, che è stato così denunciato a piede libero per i furti pluriaggravati e continuati commessi. La sua posizione è ora al vaglio della Magistratura Bergamasca e sono in corso ulteriori approfondimenti. L’invito rivolto alla cittadinanza di Caravaggio, e non solo, è quello di denunciare eventuali ulteriori episodi sino a ora eventualmente non segnalati alle Forze dell’Ordine, al fine così di delineare esattamente l’entità dei furti con strappo o con destrezza messi a segno nelle settimane scorse dal 26enne.