Visoni Antegnate, anche il Consiglio di Stato ferma l’allevamento di Finetti.

Il Tar ha ragione: non può riaprire

Lo ha annunciato l’associazione animalista Essere animali, in una nota di stamattina. Il Tar era intervenuto al termine di una lunga battaglia cominciata quattro anni fa, con l’autorizzazione all’apertura di un allevamento per animali da pelliccia a cascina San Rocco. Il Consiglio di Stato ha confermato il parere del Tar e decretato la chiusura. Il nodo tecnico è la validità delle prescrizioni del Pgt locale in merito alla vicinanza con le abitazioni limitrofe. Nel merito, però, Essere animali esulta per il valore “politico” della vicenda.

Visoni uccisi nelle camere a gas, “sofferenza inutile”

“Costringere i visoni a vivere in piccole gabbie, privarli di ogni stimolo e ucciderli in camere a gas per ottenere un indumento oramai superato come la pelliccia è ritenuta una sofferenza inutile ed evitabile dall’86% degli italiani che, secondo un sondaggio Eurispes, vorrebbero vietare questi allevamenti” spiegano dall’associazione. “E’ un altro brutto colpo per l’industria della pelliccia in Italia. Dopo il coming out di noti stilisti come Armani e Gucci, che hanno dichiarato pubblicamente di bandire le pellicce animali nelle loro collezioni, una notizia arriva direttamente dagli allevamenti e dalla provincia di Bergamo”.

Leggi anche:  Il controllo del vicinato non decolla, troppo individualisti?

Chiuso da mesi

Di fatto, l’impianto antegnatese è tuttavia chiuso e inattivo da mesi, avendo trasferito le attività nella sede centrale dell’allevamento di Capralba. Il progetto era stato portato avanti da un imbianchino, Franco Finetti. Colpito dalla crisi economica, per reinventarsi aveva deciso di trasformare una vecchia stalla di proprietà della famiglia, in un allevamento di visoni. Subito, le associazioni animaliste erano però insorte. Innumerevoli le manifestazioni e i blitz dei gruppi attorno all’allevamento, che era diventato il campo di battaglia tra gli animalisti da una parte e i fautori dell’allevamento. Nel video, una delle ultime proteste: gli attivisti avevano ricreato la sagoma di un enorme visone.