Ormai è ufficiale, il Distretto Agricolo Bassa Bergamasca sarà presente a Gourmarte 2017, il prossimo 1,2 e 3 dicembre al polo fieristico di Bergamo. E sono molte le aziende del Distretto che usufruiranno di questa vetrina per presentare al grande pubblico i propri prodotti di altissima qualità.

I protagonisti

Protagoniste indiscusse saranno le eccellenze del nostro territorio, come ha spiegato anche il presidente del Dabb, Giovanni Malanchini: “Si va dai caseifici produttori delle nostre 5 DOP, ovvero Grana Padano, Gorgonzola, Taleggio, Provolone e Salva, sino ai formaggi di bufala e di capra. Ma non mancheranno uova, birra artigianale, pane, polenta, il tartufo nero bergamasco, lo zafferano e persino il gelato artigianale fatto col latte del Distretto – ha proseguito Malanchini, che ha aggiunto – Sarà una grande vetrina anche per i comuni, che svolgono un ruolo fondamentale nella nostra aggregazione. Durante le 3 giornate inoltre lo Chef Chicco Coria, con i suoi allievi, ci regalerà momenti culinari di altro livello, cucinando i prodotti del Distretto”.
Tra le aziende partecipanti infatti ci saranno, Cascina Italia, il salumificio Rizzi, il Podere Montizzolo, il birrificio Sguaraunda, l’Agrigelateria di Treviglio, Alpimix con i suoi prodotti per la panificazione e i caseifici Via Lattea, Defendi, Quattro portoni e quello di Giovanni Invernizzi. L’associazione Tartufai bergamaschi e lo zafferano dell’azienda spiranese Tre Faggi infine impreziosiranno il tutto con i loro particolari prodotti.

Leggi anche:  Settimana della cultura a Calcio, dalla Marzano a Vairetti

La fiera

La kermesse bergamasca propone tre giornate tutte all’insegna del gusto e della tradizione del territorio. Prodotti enogastronomici eccellenti saranno così interpretati dalla creatività e dalle sapienti mani dei migliori chef in circolazione. Questa l’idea che sta alla base della fiera e che ne ha sancito il successo. A ciascun visitatore infatti sarà data l’occasione di vivere un’esclusiva esperienza sensoriale, immergendosi tra sapori e profumi antichi e futuri.
Punto di forza del festival è proprio quello di offrire l’opportunità di confrontarsi direttamente con i produttori delle eccellenze prodotti di assoluta qualità, confrontandosi direttamente con i produttori  e allo stesso tempo quella di poter degustare quegli splendidi prodotti in piatti d’autore al Ristorante GourmArte, dove il cliente potrà comporre il suo menù scegliendo tra i piatti di 24 blasonati chef, i cosiddetti “Interpreti del gusto” che nelle cucine, in stile show cooking, prepareranno in diretta le specialità che li hanno resi famosi.