Giornate Fai di primavera. Oltre mille visitatori a Mornico tra sabato e domenica.

Giornate Fai per la prima volta a Mornico

Mornico centra il successo con oltre mille visitatori e lunghe code ai siti aperti. Tra sabato e domenica si sono svolte le due giornate Fai di primavera, e per la prima volta la delegazione di Treviglio ha deciso di aprire le porte del Comune di Mornico al Serio. In un viaggio tra passato e presente i visitatori hanno potuto ammirare la ditta “Pedrali” e il suo magazzino automatizzato “Fili d’erba”, la cascina castello, teatro di alcune scene del film di Ermanno Olmi “L’albero degli zoccoli”, i magnifici affreschi della chiesetta dell’Addolorata e Palazzo Dolci.

Gli alunni ciceroni

Oltre ai volontari del Fai, preziosa è stata la collaborazione con i ragazzi dell’istituto comprensivo di Calcinate i quali hanno fatto da ciceroni ai visitatori. Un’iniziativa lodata anche dal dirigente scolastico Alessandro Domenico Mazzaferro che ha sostenuto l’importanza per i ragazzi di conoscere il territorio in cui vivono.

Leggi anche:  Furto in villetta e la cassaforte finisce nel pollaio

Un successo inaspettato

«Mornico è stato un successo inaspettato – ha detto la presidente della delegazione Fai di Treviglio, Antonella Bacchetta – Più di mille persone e 4427 visite. Tra i luoghi più apprezzati è stata la visita alla ditta “Pedrali” e al suo magazzino automatizzato e la chiesetta dell’Addolorata che in molto non conoscevano. So di persone che sono venute anche da fuori provincia, da Lecco e Brescia. Questo ci ha fatto molto piacere e l’Amministrazione ci ha aiutato. E’ stato però anche molto impegnativo per i nove volontari della delegazione e del Fai giovani. Alla fine la fatica ci ha ripagato con un grande successo».