Golden Globe 2018 nessun premio per Call me by your name. Osannato dalla critica e definito persino meritevole di una candidatura agli Oscar, il film del regista Luca Guadagnino è, però, rimasto a secco.

Tre nomination ma nessun premio

Ottenere tre nomination così prestigiose era già un ottimo traguardo. Ma la speranza di portarsi a casa l’ambito premio è rimasta fino all’ultimo. Invece, Call me by your name, non ce l’ha fatta. La pellicola aveva ricevuto la nomination come miglior film drammatico (vinto da Tre manifesti a Ebbing, Missouri), miglior attore in un film drammatico per Timothée Chalamet (vinto da Gary Oldman) e miglior attore non protagonista per Armie Hammer (vinto da Sam Rockwell).

Call me by your name

Il film diretto dal registra Luca Guadagnino, ormai cremasco d’adozione, con la sceneggiatura scritta da James Ivory, è un adattamento cinematografico del romanzo Chiamami col tuo nome di André Aciman. Racconta la storia d’amore tra il giovane Elio e l’americano Oliver, rispettivamente interpretati da Timothée Chalamet ed Armie Hammer.

Leggi anche:  Libro più venduto del 2017 in Italia: parla di donne

Riprese nel Cremasco

Le riprese del film sono state realizzate tra marzo e giugno 2016, soprattutto in provincia di Cremona: a Crema, Pandino, Montodine e Moscazzano. Altre scene, invece, sono state girate alle Cascate del Serio a Valbondione, a Bergamo e alle Grotte di Catullo di Sirmione.

Sale, intanto, l’attesa per la prima cremasca del film che ha reso Crema e il Cremasco celebri nel mondo.

 

Ecco il trailer: