Primo supermarket italiano, inaugurato esattamente 60 anni fa a Milano.

Primo supermarket italiano

Nei locali di una ex officina di viale Regina Giovanna a Milano, viene inaugurato il primo supermercato italiano. Il supermarket con la esse allungata che sormonta l’intera parola (da cui prenderà il nome di Esselunga) fa capo a una società italo-statunitense costituita dalla Ibec di Nelson Rockefeller per il 51 percento e Bernardo Caprotti per il 18 percento, Mario e Vittorio Crespi per il 16,5 percento insieme ad altri soci italiani.

Nascerà la società “Esselunga”

Il primo negozio si estende su 500 metri quadri di vendita ed è senza posti auto, ma per l’epoca si tratta di una straordinaria innovazione. Nel 1957 Max Huber, grafico di fama mondiale, realizza l’insegna con la grande “Esse”. Da lì il nome Esselunga.

Una rivoluzione sociale

E’ una rivoluzione, commerciale e sociale. Una novità destinata a cambiare la vita quotidiana, importata direttamente dagli States. Un mutamento radicale e irreversibile degli usi e delle abitudini del consumatore italiano, conservatore e abituato alla piccola bottega, rigorosamente a conduzione familiare. Il supermercato rivoluziona il modo di fare spesa e di riempire il frigorifero.