Auto usate e internet, non è più un tabù. Se infatti fino a qualche anno fa l’idea di acquistare un’autovettura online faceva rabbrividire la maggior parte degli automobilisti, oggi non è più così e anzi negli USA i dealer in rete sono sempre più numerosi.

Auto usate ora si comprano in rete

E’ un dato di fatto incontrovertibile.  Negli ultimi anni l’e-commerce è andato sempre più affermandosi tra gli utenti della rete. I motivi sono semplici. Le normative vigenti, per esempio, tutelano i consumatori al 100% lasciando loro la massima libertà in fatto di diritto di recesso. Se dunque il bene comprato online non piace o non corrisponde alle aspettative, il cliente può restituirlo seguendo alcune semplici modalità. Le stesse regole, naturalmente, valgono anche per il commercio online di autovetture usate. I siti specializzati, infatti, sono in grado di garantire il diritto di ripensamento anche a chi, avendo acquistato un’automobile sul web, una volta ricevuta l’auto non la ritiene di proprio gradimento.

Gli esempi negli USA

Di siti che fanno questo Oltreoceano ce ne sono parecchi. Per esempio Carspring o Carvana sono molto avanti. Se il cliente una volta ricevuta l’auto (entro tre giorni dal bonifico) non la ritiene di proprio interesse, può restituirla al mittente entro due settimane.  Sulle condizioni del mezzo oggetto della compravendita, poi, nessun timore, perché ci sono stuoli di tecnici che prima di procedere alla consegna ne verificano motore e carrozzeria.

Leggi anche:  La scuola De Amicis solidale con il Cag

In Italia

Nel nostro paese, oggi non sono tantissime le transazioni online, ma diversi dealer, intuendo che l’esplosione delle compravendite in rete è ormai prossima, si stanno attrezzando. E’ il caso di Autotorino che, presente sul territorio bergamasco con la propria sede di Curno, ha deciso di abbracciare, nelle sue concessionarie reali, la stessa filosofia dell’e-commerce fin da ora. Per questo ha esteso le tutele dei consumatori in vigore in rete alle sue concessionarie fisiche.

Soddisfatto o rimborsato

La clausola soddisfatto o rimborsato, per esempio, sta permettendo alla prestigiosa concessionaria lombarda di ritagliarsi un posto di grande importanza nel  mercato dell’usato. Introdotta nel giugno 2017, ha letteralmente  fatto  lievitare le vendite. Si è trattato di un passaggio che l’azienda guidata da Plinio Vanini ha introdotto per fornire un servizio il linea con quanto il cliente già fruisce per ogni acquisto online e per certificare la qualità dell’offerta. Per adesso però a giovarne sono le concessionarie fisiche del gruppo, dove dalla scorsa primavera a oggi sono state oltre 6000 le vetture usate vendute. Segno che le garanzie in essere online sono particolarmente gradite anche dai clienti tradizionali.