Un distretto del Commercio della Statale Cremasca? Forse è più realtà di quanto non si possa credere. O almeno questo è l’intento ultimo del primo cittadino di Cologno Chiara Drago, la quale, insieme ai suoi colleghi sindaci, ha deciso di partecipare ad un bando provinciale ad hoc.

Un nuovo distretto del commercio?

Il sindaco, infatti, tramite delibera ha presentato l’istanza di finanziamento alla Provincia di Bergamo per «Bergamo Smart Land – la rete dell’intelligenza sociale dell’innovazione diffusa». La Provincia grazie a questo progetto intende finanziare con 100mila euro tutte quelle proposte il cui scopo è principalmente lo sviluppo locale.

Possibili finanziamenti

L’Amministrazione Drago ha visto nel progetto la possibilità di trovare finanziamenti per la creazione di un distretto del Commercio. La creazione di un distretto prevede uno stanziamento di soldi elevato. Ma che verrebbe sostenuto in parte dalla Provincia, se il bando andasse a buon fine. «Far parte di un distretto del commercio – ha spiegato il sindaco colognese – è molto utile per partecipare a bandi e avere finanziamenti. Purtroppo istituirne uno è molto costoso. Ecco perché abbiamo pensato che questo bando provinciale potesse esserci utile».

Al centro la Cremasca

Coinvolti nell’iniziativa i comuni limitrofi, quelli che si trovano sulla ex-strada statale 591, meglio nota con il nome di «Cremasca». E quindi si tratta di Urgnano, Morengo, Bariano, Pagazzano e Fornovo San Giovanni, i quali sottoscriveranno appositi protocolli d’intesa per la definizioni della azioni che verranno intraprese con il Comune di Cologno che farà da capofila. Inizialmente l’invito era stato esteso ad altri Comuni, sempre limitrofi o comunque che si trovano sull’«asse» della Cremasca, che però hanno rifiutato perché già appartenenti ad altri distretti del commercio locali.

Leggi anche:  Hub Amazon apre in autunno: "400 posti di lavoro"

“Speriamo vada in porto”

Lo scopo dell’iniziativa è semplice: se si verrà a creare un Distretto del Commercio della Cremasca sarà possibile sviluppare azioni di rete fra i comuni, progettare verso obiettivi condivisi per il rilancio dell’imprenditorialità attraverso la valorizzazione territoriale, promuovendo di fatto il commercio.
Nuovamente Cologno al Serio si fa promotore di un’iniziativa che unisce altri comuni, sempre secondo il principio che fare rete significa avere più opportunità per tutti.
«Per ora abbiamo partecipato al bando – ha concluso la Drago – speriamo che tutto vada per il meglio».