Un comunicato di fine anno alquanto scoppiettante quello firmato dal direttorio della mensa autogestita «Il buon cibo». In occasione delle feste natalizie, il comitato genitori ha fatto gli auguri a tutti i cittadini di Pieranica e Quintano. Esprimendo «grande soddisfazione per l’avvio della mensa scolastica». Fra le felicitazioni e gli auguri di Natale, tuttavia, si leggono alcune righe dai toni meno rilassati.

Il comunicato

«Prima dell’inizio dell’anno scolastico, proprio i genitori de “Il buon cibo” avevano proposto alle Amministrazioni di contattare la scuola per un progetto condiviso. Quindi il nostro plauso va anche alla dirigente scolastica e alle insegnanti, che hanno reso fattibile tale progetto». Qualche riga più avanti, il comunicato prosegue con una secca dichiarazione: «Non bisogna far altro che prendere atto che l’impegno de “Il buon cibo” non è solo servito per fornire una mensa che avesse le sopraccitate caratteristiche. Ma anche per stimolare le Amministrazioni comunali ad adoperarsi circa una soluzione accessibile».

La risposta del sindaco

«Da quando il servizio si è interrotto non abbiamo mai smesso di lavorare affinché la mensa ripartisse – ha affermato il sindaco di Quintano, Emi Zecchini – Poi, la dirigente Albertina Ricciardi, sapendo che i ragazzi facevano educazione fisica nell’atrio della scuola per ragioni logistiche che dovevamo risolvere, mi ha contattato per proporre l’utilizzo della sala polifunzionale a disposizione qui a Quintano, così abbiamo ampliato il progetto».