Giornale di Treviglio > Attualità > Lo sport in campo contro l’omofobia VIDEO
Attualità Treviglio -

Lo sport in campo contro l’omofobia VIDEO

E' stata presentata ufficialmente Cives Volley Bergamo formata da ragazzi dichiaratamente gay ed etero

Torna “Bergamo in campo contro l’omofobia”, ecco la squadra dei diritti civili.

In campo contro l’omofobia

E’ ripartita domenica la campagna “Bergamo in campo contro l’Omofobia”. Arcigay Bergamo Cives ha ripresentato il progetto che si era concluso a maggio al Palanorda alla presenza dell’onorevole Monica Cirinnà, 16 sindaci e 30 squadre aderenti.

Le stringhe rainbow

Nella nuova stagione l’associazione chiederà ai giocatori di indossare le stringhe rainbow durante le partite. Alle squadre, poi, verranno scattate delle foto con il cartello “Stop omofobia nello sport”. A seguire, le foto verranno raccolte in un calendario da tavolo, che si chiamerà “Il calendario dei diritti civili”. Al posto delle festività verranno indicate le date in cui sono state approvate le leggi dei diritti civili in Italia. Un esempio 2 giugno 1946 voto alle donne, 1 dicembre 1970 il divorzio, 20 maggio 2016 unioni civili.

Le istituzioni ci sono

All’iniziativa hanno aderito: BB14, Orobic Rugby Club, Calvenzano Calcio, Barbata Calcio, Azzanese Baket Stezzano, 1° squadra ASD Basket Pedrengo, Basket Bottanuco e la POLIMI (squadra politecnico di Milano).

All’evento Fabio Ferla, sindaco di Calvenzano, ha portato i saluti di Vincenzo Trapattoni, sindaco di Barbata e Gabriele Riva, sindaco di Arzago D’Adda. Ferla ha sottolineato come nel 2017 siano necessari ancora questi progetti per sensibilizzare le persone. La sua presenza fisica è stata, come nel dicembre 2016 per la prima edizione, essenziale per ribadire che le istituzioni ci sono e sostengono la lotta all’omofobia.

In prima linea

L’iniziativa fa parte dell’azione al contrasto all’omofobia nel territorio della provincia di Bergamo, che vede Arcigay Bergamo Cives in prima linea attraverso la collaborazione dei Comuni facenti parte la rete Ready. La rete è composta dai comuni di Bergamo, Arzago D’Adda, Curno, Levate, Osio sopra, Valnegra, Comun Nuovo, Almè e verrà ampliata nei prossimi mesi.

“Oggi più che mai è tempo che le società sportive facciano un passo avanti visibile contro l’omofobia nella nostra provincia – ha dichiarato il presidente Marco Arlati –  Lo sport che ogni settimana entra nelle nostre case è uno strumento di diffusione di messaggi positivi e formativi e deve riuscire a essere incisivo anche nella lotta contro l’omofobia”.

Cives Volley Bergamo

Nella stessa serata è stata presentata ufficialmente Cives Volley Bergamo, la nuova squadra di pallavolo maschile che giocherà il torneo del CSI di Bergamo, e rappresenterà la lotta all’omofobia e i diritti civili. Nel team, infatti, giocheranno sia ragazzi gay dichiarati che etero. La squadra ha avuto anche il patrocinio della commissione pari opportunità della Provincia di Bergamo e il logo comparirà sulla maglietta dei giocatori.

Grazie agli sponsor

Arlati ha ringraziato l’asd Trezzo per aver dato l’affiliazione alla squadra e gli sponsor che hanno voluto sostenere questo progetto, scendendo in campo in maniera concreta. Tra questi il bar Mamo’s, Invidia il senso della forma (servizi di preparazione atletica, personal trainer, ginnastica posturale e riabilitativa), l’asilo nido La Lumaca, la società di consulenza Hermes Ventures e Bergamo e Associati (dottori commercialisti e revisori contabili).

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente