Giornale di Treviglio > Attualità > Siringhe nei parchi e rifiuti abbandonati per strada FOTO
Attualità Romano -

Siringhe nei parchi e rifiuti abbandonati per strada FOTO

I rifiuti abbandonati riempiono i marciapiedi e i parcheggi, mentre nei parchi pubblici torna l'incubo delle siringhe

In città l’inciviltà regna sovrana. I rifiuti abbandonati riempiono i marciapiedi e i parcheggi, mentre nei parchi pubblici torna l’incubo delle siringhe.

L’emergenza

Scatoloni, sacchetti, divani, televisori e servizi igienici e rifiuti abbandonati. A pochi metri, a volte centimetri, dai cassonetti nei quali il tutto sarebbe dovuto finire. Il quartiere dei Cappuccini e le sue vie principali tornano ad essere prese di mira dall’inciviltà che regala purtroppo, periodicamente, scene che di cartolina hanno ben poco. Stavolta nel mirino della maleducazione sono finite la centralissima via Fratelli Calvi, parallela alla stazione, vicolo Lombardini, ai piedi del grattacielo, Via Pigola, via Giovanni Paolo II e il parco delle Magnolie.

Un fenomeno che si ripete

Non è passato molto tempo infatti da quando l’Amministrazione è intervenuta in via Garzolini, nel centro storico, cambiando la brutta abitudine di uno dei residenti di non differenziare ed esporre i rifiuti nei giorni non dedicati alla raccolta. Ma nella periferia il discorso è evidentemente diverso. I residenti in via Fratelli Calvi periodicamente hanno denunciato su Facebook la situazione di degrado vicino al Grattacielo dove nonostante i cartelli di divieto di deposito, i rifiuti vengono comunque accatastati e nel peggiore e più frequente dei casi abbandonati al centro del parcheggio, sulle aiuole dove spesso giocano i bambini residenti. Va peggio nei parchi, nello specifico al parco delle Magnolie, dove sono comparse siringhe abbandonate.

L’Amministrazione

«Serve denunciare agli uffici competenti questa situazione affinché s’intervenga tempestivamente – ha detto Alberto Beretta, vicesindaco di Romano – per quanto riguarda i rifiuti abbandonati ogni giorno dal Comune parte un addetto incaricato di raccoglierli, ma non può arrivare ovunque. C’è un’azienda incaricata del servizio ma per farla intervenire serve la segnalazione. Per le siringhe invece è necessaria una denuncia alla Polizia locale. In ogni caso le segnalazioni vanno fatte negli uffici competenti, solo così si può risolvere il problema».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente