Giornale di Treviglio > Cronaca > Il bivacco, le bici, la droga: ecco il luogo del duplice omicidio a Bariano FOTO-VIDEO
Cronaca Treviglio -

Il bivacco, le bici, la droga: ecco il luogo del duplice omicidio a Bariano FOTO-VIDEO

Lattine per scaldare la droga e biscotti. Oggi i carabinieri hanno concluso i rilievi sul luogo del delitto, ecco cos'è rimasto

Sono due marocchini di 25 e 22 anni, E.N ed E.A, le due vittime del duplice omicidio di ieri sera, giovedì. Oggi i carabinieri hanno concluso i rilievi sul luogo del delitto: un piccolo spiazzo su una balconata naturale della riva destra del Serio, a un centinaio di metri dall’ex ristorante Tanganika. A ucciderli, alcuni colpi di pistola di  calibro 9.  I carabinieri hanno scandagliato l’area tutta la notte e per parte della mattina, anche con un elicottero arrivando a nord fino alla Muratella di Cologno.

La scena dell’omicidio

I due sono stati trovati sulla riva, in quel tratto molto scavata dalle rare piene. La pista ciclabile è poco distante, forse un centinaio di metri di un piccolo sentiero che attraversa un bosco pieno zeppo di rifiuti. Due biciclette, forse delle due vittime, sono  abbandonate in mezzo agli alberi a una ventina di metri l’una dall’altra. Bici da donna, entrambe, che i carabinieri hanno isolato con il nastro.

A trovare i cadaveri, in serata, prima delle 21, è stato un tossicodipendente che li aveva contattati per comprare della droga. Eroina, forse. Come quella che probabilmente è stata scaldata nei fondini di lattine che si trovano un po’ ovunque nel boschetto. Ce n’è  una anche accanto al  largo cartone  sul quale i due probabilmente stavano bivaccando quando sono stati uccisi. E’ uno scatolone,   l’imballo di un televisore LG. Alcuni frammenti della scatola si ritrovano anche accanto alla seconda bicicletta. Ci sono macchie di sangue sul cartone, oltre a quello che sembra un biscotto smangiucchiato,  e poco distante l’incarto della confezione. Un’altra macchia di sangue, più grande, è invece sul terreno.

Strano luogo per un’esecuzione diurna:  si trova in un spiazzo poco rialzato ma aperto sul fiume, piuttosto visibile a chi passeggiasse lungo il Serio in secca, anche dalla sponda di Fara Olivana. A poca distanza, un tavolo da picnic distrutto  a ridosso della pista ciclabile, che ormai è a ridosso della riva mangiata anno dopo anno dal fiume.

I curiosi

Già ieri sera, quando la notizia del duplice omicidio è rimbalzata sui social network, sono arrivati alcuni curiosi. “Abbiamo letto su Facebook cosa è successo, volevamo dare un’occhiata” spiegano due ragazzi verso mezzanotte e mezza, ai carabinieri che tengono giornalisti e curiosi a  circa un centinaio di metri dal Tanganika, sulla strada sterrata che si collega a via Marconi. “Tornate a casa, questo non è un telefilm” la risposta.

Anche oggi è stato un via vai: parecchi i ciclisti arrivati a curiosare nei pressi dei nastri bianchi e rossi lasciati dai carabinieri. Ognuno con la propria  tesi sulla dinamica. Nessuno però stupito del fatto che in riva al Serio si spacciasse droga e che quel boschetto fosse frequentato da spacciatori. La campagna profonda, teatro ieri sera del terzo omicidio in due anni e pochi mesi.

Vittime note nel mondo della criminalità

Pusher come probabilmente erano i due marocchini, a quanto pare già noti nell’ambiente della criminalità locale. Chi li abbia uccisi e perché, invece, è ancora da chiarire. Anche sull’ora della morte darà forse qualche risposta l’autopsia, disposta per i prossimi giorni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente