Giornale di Treviglio > Cultura e turismo > Giornata mondiale diabete ecco gli eventi a Treviglio

GMO Salute

Cultura e turismo
0 commenti.

Giornata mondiale diabete ecco gli eventi a Treviglio

Sabato a Treviglio due eventi per sensibilizzare la popolazione. Una cena sana e gustosa al Matè e poi musica al Tnt.

Scritto da: jessica.taborelli@netweek.it

Giornata mondiale diabete ecco gli eventi a Treviglio. Oggi, 14 novembre, si celebra la Giornata mondiale del diabete e anche l’Asst Bergamo Ovest non ha mancato di impegnarsi con una campagna di sensibilizzazione al fianco dell’Abd.

Giornata mondiale diabete

La sezione bergamasca dell’Associazione Diabetici Bergamaschi (ADB) anche per quest’anno ha organizzato una serie di eventi finalizzati a migliorare la conoscenza della malattia diabetica. Confermato il patrocinio dell’Asst Bergamo Ovest attraverso le parole del direttore generale Elisabetta Fabbrini: “Il diabete è una condizione cronica che deve avere il minor impatto possibile sulla qualità di vita dei pazienti.”

La riforma regionale

Questa è anche la finalità della recente riforma che Regione Lombardia ha intrapreso nella “Gestione delle cronicità” con la creazione di percorsi innovativi a tutela del processo di cura complessivo dei portatori di alcune patologie, tra cui il diabete. Nell’ambito della collaborazione con ADB s’inserisce il supporto culturale e scientifico dei professionisti dell’Unità Specialistica, Centro di Riferimento Regionale per il Diabete.

A cena al Matè

L’appuntamento è per sabato 18 novembre a partire dalle 19.30 con la cena “La salute vien… mangiando!” organizzata al ristorante Matè . A tutto gusto con cibi a contenuto glucidico ridotto e a basso indice glicemico. “Grazie alla collaborazione tra medici, nutrizionisti e chef, viene proposto un menù che tiene conto dei corretti nutrienti a basso contenuto di glucidi semplici (zuccheri) – ha spiegato Lorenzo Mussi, vicepresidente di Adb – preparati e cucinati nel rispetto della sana alimentazione”.

Un menù salutare ma anche gustoso

Valentina De Mori (nutrizionista, borsista dell’Unità di Diabetologia Asst Bergamo Ovest) ha ricorda che “è fondamentale conoscere la composizione nutrizionale delle varie portate, per poterne comprendere l’apporto calorico. Il processo di conoscenza porta a una maggior consapevolezza e a un miglioramento della qualità di vita”. La collaborazione con gli chef di Mate ha permesso di proporre un menù a limitato carico di zuccheri semplici e a basso indice glicemico, ma ricco di gusto e di alimenti della nostra terra. Molti degli alimenti presentati saranno integrali, ricchi di nutrienti come fibre, vitamine, minerali e altri componenti importanti per la salute.

Un concerto al Tnt

E dopo cena spazio alla musica. Il divertimento continua al Teatro Nuovo Treviglio con l’esibizione del gruppo “Non solo swing”, una band che proporrà musica live italiana ed internazionale, swing, latino americano, classici anni ’60,’70,’80 con incursioni nel contemporaneo.
È una manifestazione gratuita, aperta a tutti, che verrà introdotta dal Antonio Bossi, Direttore dell’Unità di Diabetologia dell’Asst Bergamo Ovest che ci ricorda che il tema della Giornata Mondiale del Diabete 2017 è: “Donne e Diabete: il nostro diritto ad un futuro più sano”.

I numeri del diabete

Oggi, nel mondo, 199 milioni di donne vivono con il diabete. Diventeranno 313 milioni nel 2040. Circa 60 milioni sono in età fertile: le donne con diabete tipo 1 sono ad alto rischio di anomalie del parto o patologie del neonato. Anche il diabete che compare in gravidanza (diabete gestazionale) è molto frequente. Una corretta pianificazione della gravidanza può migliorare la salute delle donne e dei loro bambini. Inoltre, le donne con diabete hanno un rischio aumentato di 10 volte di malattie cardiache rispetto alle donne non diabetiche: la prevenzione e l’educazione sanitaria per una vita attiva ed una alimentazione salutare possono ridurre questo rischio. “Le donne – ha concluso Fabbrini – per il loro ruolo nella società e nella famiglia, sono l’elemento chiave per adottare (e far adottare a tutti) stili di vita più sani.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente