Giornale di Treviglio > Cultura e turismo > Turismo tra i castelli della Media pianura lombarda: ora nel circuito ci sono anche Pandino e Soncino
Cultura e turismo Cremasco -

Turismo tra i castelli della Media pianura lombarda: ora nel circuito ci sono anche Pandino e Soncino

I due Comuni cremaschi aderiscono per la prima volta alle iniziative dei vicini bergamaschi per promuovere le bellezze locali

Pandino e Soncino a fianco dei Comuni bergamaschi per promuovere il turismo nella Media pianura bergamasca. Martedì il sindaco pandinese Maria Luise Polig in una conferenza stampa con tutti i colleghi ha presentato l’iniziativa “Giornate dei castelli aperti – Autunno 2017” che avrà luogo le prime tre domeniche di settembre, ottobre e novembre.

Turismo come risorsa economica

L’Italia ha molto da offrire, si sa, e così anche i territori della nostra pianura stanno piano piano scoprendo le loro bellezze. Castelli, palazzi, chiese, borghi, fontanili, da valorizzare per creare risorse e occupazione. A muoversi per prima, anni fa, è stata la frazione di Cavernago, Malpaga, con visite guidate  al castello di Bartolomeo Colleoni. Quindi la Pro loco di Martinengo  ha messo insieme tre realtà con Romano di Lombardia, ed è nata “Giornate dei castelli aperti”. Domeniche in cui manieri ed edifici di interesse storico-artistico sono visitabili dai turisti. Oggi ad aderire sono 17 Comuni, tra cui anche il milanese Trezzo sull’Adda e, da questa mattina ufficialmente, Pandino e Soncino.

Visite guidate ed eventi

A introdurre l’argomento è stato Diego Moratti della Pro loco martinenghese e segretario di “Pianura da scoprire”, una realtà nata per promuovere la mobilità dolce sul territorio.

“In quattro anni da tre siamo passati a dieci Comuni e oggi siamo in 17 – ha detto – Il turista può scegliere il suo percorso in autonomia e visitare luoghi ricchi di storia e arte con visite guidate, mostre ed eventi, anche per bambini. Siamo andati avanti nonostante le difficoltà organizzative per la differenza di dimensioni dei Comuni e le proprietà degli edifici. Alcuni sono pubblici e magari sedi di Municipio, altri privati o gestiti da privati. I numeri ci danno ragione: nelle “Giornate aperte” di primavera abbiamo portato 13mila visitatori paganti”. “Abbiamo colto quella che consideriamo un’opportunità – ha dichiarato Polig – E’ ora di alzare lo sguardo e guardare quello che fanno i nostri vicini. Prima abbiamo aderito a “Pianura da scoprire” e ora a queste giornate: insieme dobbiamo portare turisti da una parte e dall’altra”.

Come partecipare

Tre le giornate utili, le prime domeniche di ogni mese: 3 settembre, primo ottobre e 5 novembre. E’ possibile scegliere un percorso in autonomia oppure usare il servizio pullman da Bergamo, dalle 9.30 alle 17.30, con la possibilità di pranzare e visitare due borghi. Basta contattare l’ufficio lat-Pro loco di Martinengo allo 0363988336 dalle 9 alle 12. Per informazioni, orari di apertura e itinerari del pullman è inoltre possibile scrivere all’indirizzo di posta elettronica info@bassabergamascaorientale.it o visitare la pagina Facebook o il sito internet www.bassabergamascaorientale.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente