Giornale di Treviglio > Politica > “L’Amministrazione è in ostaggio dell’architetto Pezzoli”
Politica Romano -

“L’Amministrazione è in ostaggio dell’architetto Pezzoli”

Bufera in Consiglio comunale lunedì. All'indice, ancora una volta, il lavoro del fratello del sindaco Pezzoli

 “Questa amministrazione è in ostaggio dell’architetto Pezzoli”.  Un commento duro quello di Gianmaria Conti, capogruppo di minoranza che durante la seduta seduta del Consiglio comunale di lunedì sera ha espresso chiaramente il suo disappunto riguardo alla scelta del sindaco Antonio Pezzoli e della sua Amministrazione di convocare una seduta straordinaria del Consiglio per approvare due punti che secondo il capogruppo di minoranza non richiedevano tutta questa urgenza.

Consiglio ad hoc per il fratello del sindaco?

Ad attirare le maggiori critiche da parte della minoranza è stato però  il terzo ed ultimo punto all’ordine del giorno della seduta straordinaria del Consiglio comunale e che riguardava un piano di lottizzazione residenziale. Il piano di lottizzazione di per sé non ha attirato dal punto di vista tecnico le critiche della minoranza, se non che, a firmarlo è stato l’architetto Gianmaria Pezzoli, il fratello del sindaco. Il progetto e piano di lottizzazione prevede la creazione di un’area di 14mila metri quadrati dei quali 6600 adibiti a zona residenziale.

“Non è la prima volta”

“È chiaro che questa seduta è stata convocata per l’approvazione del terzo punto all’ordine del giorno  –  ha detto Gianmaria Conti – E non è la prima volta che succede,  ma purtroppo ogni volta così è. A testimonianza di ciò  c’è appunto il fatto che il secondo punto all’ordine del giorno  era l’approvazione della legge regionale, che è stata varata dalla Regione stessa a marzo. Avevamo  un lasso di tempo di 120 giorni per l’approvazione e il 20 giugno abbiamo fatto un altro Consiglio…”.

Niente più scantinati accanto al Serio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente