Lega Nord e Forza Italia hanno votato il documento su democrazia e libertà.

Centrodestra antifascista

Il Consiglio di Cassano d’Adda mercoledì ha votato all’unanimità l’ordine del giorno “Appello per la democrazia e la libertà”. A proporlo sono stati i capigruppo di Pd, Sinistra e Cassano etica ecologista. Ma Lega Nord e Forza Italia, dichiarandosi antifasciste, non solo l’hanno votato ma hanno anche presentato degli emendamenti per rendere ancora più incisivo il testo. Lo stesso giorno il leader dei lumbard, Matteo Salvini, alla domanda sulla possibilità di iscriversi all’anagrafe antifascista ha risposto: “Vabbè, adesso, l’anagrafe io la lascerei per quella canina”.

“In difesa della nostra Costituzione”

Il centrodestra ha motivato le modifiche così: “In difesa dei nostri valori, della nostra Costituzione, della nostra democrazia e della nostra libertà e contro ogni azione di violenza e intolleranza”. Il capogruppo dei lumbard Mario Albè ha sottolineato che “contano i valori, al di là di ogni schieramento”.

Una presa di posizione gradita all’assise

La decisione del centrodestra è stata lodata dagli altri consiglieri. “Speriamo che il vostro possa essere un esempio anche per altri Comuni”, ha detto il presidente del Consiglio Luigi Cerrato. Nel documento si chiede che l’Amministrazione promuova e valorizzi, in collaborazione con le associazioni democratiche e la scuola, iniziative per la conoscenza della Costituzione e della Resistenza.