L’Hospice chiama, la Regione risponde. Entro giugno verranno messi a contratto almeno tre posti letto al centro di cura gestito dalla Fondazione Anni Sereni.

Buone notizie

Dopo le polemiche e lo spettro della chiusura è finalmente arrivato l’ok dalla Regione per la contrattualizzazione di alcuni posti letto per i malati terminali ospitati dall’Hospice trevigliese. E’ inoltre molto probabile che Palazzo Lombardia riconosca un quarto posto ma la conferma verrà data solo a giugno, quando verrà completato il lavoro di mappatura delle esigenze assistenziali di tutto il territorio regionale. Ad annunciarlo è l’assessore alla Sanità, Giulio Gallera, che ha dichiarato: «Regione Lombardia ha riconosciuto la qualità ed ha fatto uno sforzo in un momento di ristrettezza economica trovando le risorse».

Istituzioni presenti

L’atteso riconoscimento è stato comunicato proprio all’Hospice, durante una conferenza stampa organizzata ad hoc, alla presenza della direttrice generale dell’Asst Bergamo Ovest, Elisabetta Fabbrini, il  presidente della Fondazione, Augusto Baruffi, il  sindaco di Caravaggio, Claudio Bolandrini e l’assessore alle Infrastrutture Alessandro Sorte.

Leggi anche:  Hospice gratis per tutti (in attesa che la politica batta un colpo)

hospice

La raccolta firme

«Augusto Baruffi e il Cda – ha detto Sorte – sono stati in prima linea per raccogliere 10mila firme, non firme di protesta ma 10mila firme raccolte con la sincerità di voler mettere all’attenzione della regione una struttura apprezzata dai cittadini della media pianura bergamasca, in particolare di Fara, Treviglio e Caravaggio. Dobbiamo dare atto dell’impegno dell’assessore Gallera nell’accreditare questi posti».