Lavori Caravaggio i commercianti si pagano il porfido. I ritardi del cantiere di via XXIV maggio a Caravaggio arrivano in Consiglio comunale. Ma dopo le polemiche, c’è anche qualche bella iniziativa.

Lavori Caravaggio, cantiere agli sgoccioli

Il cantiere di via XXIV maggio, con i suoi ritardi e lo strascico di polemiche, è arrivato anche in Consiglio comunale, ieri sera, giovedì. Merito di un’interpellanza presentata dal consigliere Daniel Facchinetti (Prima Caravaggio) per avere dal sindaco qualche delucidazione. “Il cantiere sarà concluso entro Natale, meteo permettendo – ha assicurato il primo cittadino Claudio Bolandrini – I ritardi ci sono stati, ma sono dovuti a molti motivi primo fra tutti la difficoltà a far convergere in un unico cantiere enti come Cogeide ed Enel Sole”.

I commercianti si pagano il porfido

Eppure, nonostante i molti commenti negativi, legati soprattutto ai ritardi nella consegna dei lavori, c’è chi ha messo mano al portafogli per rendere ancora più bella la via riqualificata. Tre commercianti, infatti, hanno deciso di investire una cifra che si aggira attorno ai dieci mila euro per realizzare i marciapiedi in porfido al posto del classico tappeto d’asfalto. “Hanno capito l’importanza di questi lavori – ha proseguito il sindaco – e ne hanno approfittato. Ne gioverà tutta la comunità”.

Leggi anche:  Bilancio saltato per un vizio di forma e il sindaco sospende la seduta

Lavori necessari attesi da 20 anni

Le operazioni che hanno coinvolto non solo via XXIV maggio, ma anche via Bietti e via Circonvallazione Calandra erano attese da anni. L’intervento, infatti, ha riguardato le fognature (alcuni palazzi scaricavano a cielo aperto), ma anche le utenze di gas, acqua ed elettricità. “La situazione riguarda altri nove punti della città – ha spiegato il sindaco – Dal 1994 si parla di questo intervento eppure non è mai stato fatto. Nel 2009 la Giunta leghista approvò un progetto da 200mila euro mai realizzato. Noi con un quarto della spesa (48mila euro) lo abbiamo finalmente portato a termine”.