A marzo partiranno i lavori di rifacimento dei parchi giochi comunali di Urgnano.

Nuovo look ai parchi giochi

A dirlo è stata Giancarla Togni, consigliere di maggioranza in risposta ad un’interpellanza avanzata dal gruppo di minoranza «Lista Civica Basella-Urgnano» che verteva su tale tema.

Sos parchi giochi

«I parchi giochi di Urgnano versano in una condizione carente – ha detto Giovanna Seghezzi – e, particolare per parco di via Kolbe a Basella, tra l’altro l’unico della frazione, nonostante le segnalazioni continue permane nei parchi una situazione di abbandono e degrado. I giochi da vari mesi sono rotti e dunque inutilizzabili con evidente mancante manutenzione. Inutile dire che il parco è anche insicuro per i bambini. In sostanza l’opera non è usata per ciò che era stata pensata. Perché il parco in via Kolbe giace in quella condizione ingiustificabile? Oltretutto sapendo che è l’unico e modestissimo parco di Basella? Il Comune intenderà ripristinare i parchi e renderli utilizzabili? Se sì quando avverrà tutto ciò?».

L’interesse dell’Amministrazione

In realtà nonostante le perplessità del gruppo di minoranza l’Amministrazione Epizoi ha rassicurato tutti. Infatti sono già previsti per l’inizio della primavera dei lavori ad hoc. «Questo per noi è un argomento importante – ha spiegato il consigliere Togni – anzi prioritario, che non è mai stato sottovalutato dall’Amministrazione. Infatti a fine estate del 2017 c’è stata un’analisi accurata dei parchi giochi. Da ciò è stato possibile stilare delle linee guida su come agire in futuro. Capendo quali sono gli interventi da effettuare e agire in base alle priorità. Si prevede di incrementare i parchi con più giochi, ma soprattutto di mettere in sicurezza quelli che sono già esistenti. Fattore sicuramente prioritario. Lo stanziamento sarà all’incirca di poco più di 50mila euro. L’idea è anche quella di sottoscrivere un’assicurazione che faccia verifiche periodiche della condizione in cui giacciono i giochi. Sarà possibile quindi intervenire rapidamente per la sostituzione e per la riparazione. Il costo di questa è di circa 10mila euro. Avremmo voluto inziare i lavori da subito. Eppure l’arrivo della stagione invernale ha bloccato tutto. Per questo se ne riparlerà a marzo, in primavera quando il beltempo permetterà di lavorare. Questi soldi erano già stati stanziati nel Bilancio 2017, quindi a breve il tutto partirà».