La viabilità di Arcene, ancora fresca di inaugurazione per la fine dei lavori di miglioramento e adeguamento della rete fognaria e dell’arredo urbano che hanno tenuto in scacco il centro di Arcene per circa otto mesi, torna a far discutere.

E’ polemica, di nuovo

Proprio quando tutto sembrava essersi risolto, a rimontare la polemica ci ha pensato la nuova viabilità adottata dal Comune di Arcene. Sembra infatti che le linee dei pullman non stiano seguendo la viabilità corretta, ma in parte, continuino a passare per il centro, creando disagi soprattutto davanti alle scuole. A dare voce al malcontento degli arcenesi, è stato il capogruppo di minoranza Vladimiro Poletti, che ha dichiarato: «Non capisco come sia possibile che a oltre un mese dall’inaugurazione di fine lavori, il percorso per i pullman relativo alla nuova viabilità non venga ancora seguito. Mentre alcuni pullman percorrono correttamente il nuovo percorso, una seconda parte passa ancora per il centro, creando spesso delle difficoltà e disagi – ha spiegato Poletti – Per non parlare del fatto che le due fermate per il pullman di via Gemelli e via De Gasperi, fornite di saliscendi per i disabili e collocate sul nuovo percorso, non sono ancora state utilizzate. Anche la rotondina in via Verdi è stata modificata per problemi di viabilità e al posto delle torretta catarifrangente è stato messo un cartello con indicazione di svolta”.

Leggi anche:  Auto ribaltata davanti alla stazione

Il percorso corretto

Il capogruppo di minoranza Poletti ha poi illustrato il percorso corretto che i bus dovrebbero seguire.  “Arrivando da Verdello con destinazione Treviglio, il pullman da via Carsaniche deve svoltare a sinistra verso via de Gasperi e una volta arrivato alla rotondina di via Verdi proseguire per via Gemelli, via Volta e infine prendere Corso Europa. Viceversa da Treviglio verso Bergamo, i bus dovrebbero percorrere Corso Europa, via Verdi, per poi percorrere la strettoia in direzione di Verdello. Ora mi chiedo – ha poi concluso Poletti – perché la nuova viabilità adottata dal Comune in accordo con gli enti dei trasporti non viene rispettata?».