Torneo in memoria di Daniel Busetti organizzato dalla zona 13 dell’Avis. Sabato e domenica sono state due giornate di sport a Ghisalba per l’ottava edizione del torneo in ricordo del 20enne di Martinengo che ha perso la vita in modo tragico e misterioso nel 2011, ritrovato in provincia di Torino dopo giorni di ricerche.

Torneo in memoria di Daniel

Sabato e domenica l’Avis zona 13, di cui fa parte Ghisalba, ha organizzato un torneo di calcio a 7 per i bambini delle classi 2011-2012, aperto con il lancio di palloncini colorati in cielo da parte di tutte le squadre schierate. Presenti alla cerimonia il papà di Daniel, Pasquale e la mamma Elena, cui la sezione Avis di Ghisalba ha donato un mazzo floreale. Testimonial del mondo del calcio l’ex giocatore di Atalanta e Juventus Marino Magrin e per l’Avis il presidente provinciale Artemio Trapattoni.

L’impegno dell’Aivs

“I motivi per cui l’Avis si impegna ad organizzare questi tornei sono due in particolare – ha detto Trapattoni – Uno per ricordare Daniel Busetti, il caro amico Pasquale e la moglie. Due, perché lo sport è una delle attività che forma delle persone. Avis sa gli stili di vita ed in queste occasioni è formatrice di futuri uomini e donne della nostra società. Un augurio perché queste siano due giornate di competizione sportiva”. Sono 17 le Avis comprese nella zona e che a rotazione ospitano il torneo nel proprio Comune. Il papà Pasquale ha voluto che per il decimo anniversario della morte del figlio il torneo si svolga a Martinengo, nel 2021.

Il ricordo del papà e l’incontro con don Ciotti

Ringrazio sempre l’Avis zona 13 che dedica questo torneo a mio figlio. Otto anni fa Daniel ha avuto un incidente banale in auto, dopodiché si sono perse le sue tracce. Dopo 10 giorni di ricerche è stato trovato vicino al torrente Chiusella in provincia di Torino. Appresa la notizia, don Luigi Ciotti promette di venire a trovarci a casa nostra, a Martinengo, e mi avvisa successivamente di passare per il giorno dei Santi, il primo novembre. La cosa doveva restare segreta mentre l’invito al parroco ed al sindaco doveva essere fatto solo mezzora prima del suo arrivo. Una volta giunto in paese sotto scorta, don Ciotti ha voluto subito andare al cimitero. Lui è venuto apposta per portarci un messaggio particolare, ci ha detto cose che solo io e mia moglie sapevamo su nostro figlio. Poi ci ha detto che la vita è un passaggio, che la vita vera è di là.

L’impegno con Libera

“Da quell’incontro mi sono avvicinato a Libera – ha proseguito Busetti – e ora sono referente di presidio della Bassa. Ecco perché a Martinengo abbiamo voluto fortemente il monumento per il generale Dalla Chiesa, per ricordare tutte le vittime innocenti di mafia. Anche Daniel fa parte di vittime innocenti”.

Leggi anche:  Una passeggiata dalla Terra alla Luna

Sezione di Ghisalba in piazza

L’Avis di Ghisalba sarà invece in piazza domenica per la giornata mondiale del donatore di sangue, per sensibilizzare sulla donazione di cui c’è tanto bisogno.

TORNA ALLA HOME