Una settimana al campo estivo tra Alpini e Protezione civile per imparare le regole della convivenza ed i valori del civismo.

Volontari al lavoro ad Arcene

Si è conclusa nei giorni scorsi l’esperienza formativa estiva di 21 ragazzi delle medie al campo realizzato negli spazi dell’oratorio. Ad illustrare l’evento è il vice capo campo Fabio Insirillo.  “Il nostro campo è stato selezionato fra i 300 campi del dipartimento nazionale di Protezione civile – ha detto – Abbiamo ricevuto i complimenti del funzionario del dipartimento che martedì scorso ci ha seguito in una giornata di formazione in Val Sassina, dove abbiamo affrontato un percorso di montagna, spiegando ai ragazzi la previsione, prevenzione dei rischi annessi al luogo montano”.

Dalla marcia in notturna a un salvataggio simulato

“Abbiamo fatto una marcia in notturna per dare l’opportunità ai ragazzi di conoscere le difficoltà di operazione in montagna, di notte. Si sono resi conto di come varia l’orientamento, non solo tra la notte ed il giorno, ma anche dalle condizioni climatiche. Per l’occasione abbiamo simulato un soccorso per far partecipare in modo attivo i ragazzi per salvare un proprio compagno, scivolato in una scarpata” ha continuato Insirillo.

Arcene – il campo della Protezione civile

Campo base all’oratorio

Le attività sono poi proseguite al campo base dell’oratorio.  “Qui abbiamo montato un percorso tecnico di agilità dove i ragazzi hanno l’opportunità di conoscere il proprio corpo, muoversi in situazioni strutturali e di campo diverse – ha continuato Insirillo – hanno partecipato come relatori il maresciallo dei carabinieri, la Polizia di Stato che hanno approfondito argomenti riguardanti il senso civico, il rispetto delle regole ed il vivere assieme. Abbiamo ospitato anche il consigliere dell’Ana di Bergamo e coordinatore di Protezione civile sezionale”.

Leggi anche:  Addio a Valerio, papà della Protezione civile

Soddisfatto della collaborazione tra i vari enti, il capogruppo Alberto Bogni. “Ci sono tanti ragazzi che hanno già deciso di iscriversi per il prossimo anno – ha detto – Vorrei ringraziare la parrocchia per lo spazio che ci ha concesso, la Protezione volontaria civile di Alzano ed i gruppi alpini di Urgnano e Lurano per il supporto logistico ed il Comune. Questa nuova Amministrazione si sta muovendo e sensibilizzando al tema e ci sta chiedendo cose che da tempo stavamo pensando di fare. Dall’anno prossimo collaboreremo per l’alternanza scuola-lavoro».

TORNA ALLA HOME