Il 1 marzo dovrebbe segnare il conto alla rovescia per l’arrivo della Primavera. Nelle prossime ore, invece, soprattutto il Centronord si troverà a fare i conti con il vero inverno. Temperature in picchiata per diversi gradi sotto lo zero e da giovedì una nevicata che si annuncia copiosa.

Burian e le temperature glaciali

Burian, il gelido vento siberiano, si sta facendo sentire. La colonnina di mercurio è scesa vertiginosamente nel giro di poche ore anche nella Bassa e nel Cremasco. Tra ieri e oggi la temperatura ha toccato anche i -7 gradi. E non è finita. La sferzata siberiana, infatti, durerà ancora per tutto oggi e domani. Nonostante la giornata di sole la massima, ancora adesso, non riesce a superare lo zero (-2).

Madonna delle Lacrime al gelo

Domani, 28 febbraio, Treviglio si appresta a festeggiare una Madonna delle Lacrime glaciale. Il sole dovrebbe fare capolino, almeno nella prima parte della giornata, ma se volete partecipare agli eventi e alla tradizionale passeggiata tra le bancarelle copritevi molto bene: farà freddo! La città, intanto, ha già predisposto il piano neve, così come la vicina Crema.

Leggi anche:  Tutta Rivolta all'ultima messa di don Luca Bosio

Giovedì attesi 25 centimetri di neve

Se Burian ha fatto scendere in picchiata le temperature, dopo il suo passaggio, il Centronord dovrà fare i conti con una copiosa nevicata prevista per giovedì e venerdì. Colpito in modo particolare il nord ovest dove i primi fiocchi inizieranno a cadere già dal tardo pomeriggio di mercoledì. Poi la precipitazione, dovuta a un brusco innalzamento della temperatura, porterà la neve in tutta la pianura e la Bassa non sarà da meno. Attesi 25 centimetri di neve. I fiocchi continueranno a cadere anche venerdì, ma con meno intensità. Il pericolo resta quello delle gelate che potrebbero creare vere e proprie lastre di ghiaccio sopra la coltre nevosa.