Tutto il mondo  sta guardando l’ospedale di Treviglio. Sono infatti in corso nella giornata di oggi, venerdì 30 novembre, due operazioni chirurgiche estremamente interessanti, per una particolare tecnica operatoria laparoscopica utilizzata dall’equipe del dottor Giovanni Sgroi. Una tecnica che si pratica a Treviglio e in pochissimi altri centri italiani.

In sala operatoria Giovanni Sgroi

Il noto chirurgo è al lavoro da questa mattina alle 7   in sala operatoria, e vi resterà per tutta la giornata. Sono due i pazienti, entrambi della Bassa, che passeranno sul suo tavolo. Al primo, stamani, doveva  essere rimosso  un tumore al colon. Al secondo, che è ancora in sala, un tumore allo stomaco. Tutto ciò, mentre telecamere avanzatissime riprendono le immagini dell’intervento e le proiettano in diretta all’Auditorium di Roma, e in streaming in diversi centri di Chirurgia oncologica in tutto il mondo.

Operazioni in diretta per un Congresso internazionale

“Ogni anno si tiene un  Congresso internazionale a Roma sulla chirurgia dell’apparato digerente, che ha come struttura portante il collegamento con una quindicina di centri in tutto il mondo dove si fa chirurgia laparoscopica avanzata”  ha spiegato Sgroi poco fa, in una breve pausa tra le due operazioni. “Questi centri vengono scelti da una commissione apposita, e noi  veniamo selezionati ogni anno da ormai quattro anni. Si tratta di una grande soddisfazione, non solo per me come operatore primo, ma per per tutta l’equipe e per l’Azienda ospedaliera. Che ci consente, anche in tempi di ristrettezze economiche, di operare con strumenti importanti”.
Ospedale di Treviglio chirurgia Giovanni Sgroi operazioni in diretta mondiale
Il team con il dottor Giovanni Sgroi (prima fila a destra)

Rimossi due tumori

 Si tratta della rimozione di un tumore al colon, in un paziente di 77 anni, e di un tumore allo stomaco in un paziente di 71. Entrambi sono residenti nella zona. Operazioni “normali” a Treviglio. Ma la particolarità  che rende interessanti agli occhi della comunità scientifica le  operazioni dell’equipe di Sgroi è l’utilizzo di una tecnica che tramite un colorante verde permette di evidenziare in modo preciso quali tessuti rimuovere. “Il verde di indocianina viene iniettato inter-operatoriamente e permette di fare una chirurgia regolata e guidata: i linfonodi e il tessuto linfatico si colorano, rendendo assolutamente più preciso il nostro intervento” spiega Sgroi. “Non è una tecnica facile. Sono pochissimi i centri italiani che praticano la chirurgia laparoscopica dello stomaco e noi, che facciamo parte del Gruppo italiano ricerca cancro gastrico, siamo uno degli ospedali di riferimento in questo campo”.
Ospedale di Treviglio chirurgia Giovanni Sgroi operazioni in diretta mondiale
Il colorante verde evidenzia i tessuti da rimuovere

Un giorno importante per l’Asst Bergamo Ovest

La prima operazione si è chiusa senza complicazioni, mentre la seconda procede anch’essa senza problemi. “Partecipare a eventi come questo mi onora e mi inorgoglisce, certo, ma è un riconoscimento per tutti. Non si può lavorare da soli” continua Sgroi. “Ho collaboratori che nonostante la giovane età hanno già raggiunto livelli di autonomia chirurgica importanti, due tra tutti Luca Turati e Alessandro Russo. Ma la Chirurgia oncologica che pratichiamo è un vanto per tutto l’ospedale. Da Radiologia a Oncologia medica, da Radioterapia a Medicina nucleare. Esiste un grande gruppo oncologico trevigliese ormai riconosciuto a livello internazionale per la qualità del lavoro che facciamo”.

Diretta streaming in tutto il mondo

Le immagini dei due interventi sono proiettate in questo momento all’auditorium di Roma  davanti a circa 1500 persone. Lo stesso segnale è poi reso disponibile per lo streaming dai principali centri di ricerca medica e ospedali universitari in tutto il mondo. A gestire il collegamento e le riprese è Foto Attualità Cesni di Treviglio.