Aperitivo in tour, Sergio Cascio è partito da Palosco domenica mattina a bordo della sua Ape per raccogliere fondi per la lega contro i tumori. Attraverserà tutte le regioni d’Italia.

Aperitivo in tour, il viaggio ha inizio

Iniziato il viaggio a favore della raccolta fondi per la lotta ai tumori di Sergio Cascio. Un tour per l’Italia con la sua Ape per raccoglie fondi per la lotta contro i tumori a favore della Lilt. È partito domenica mattina, intorno alle 8.30 a bordo della sua ape, circondato da amici e parenti. «Questo viaggio – ha detto Cascio – lo voglio dedicare a un caro amico che non c’è più, Marzio». La moglie Paolina ha affisso sul tetto dell’ape la prima bandierina della regione Lombardia. «In ogni regione – ha continuato Cascio – verrà messa la propria bandiera da parte delle autorità».

Presenti e assenti

Presenti alla partenza anche i rappresentanti dell’associazione «Lilt» la lega italiana per la lotta contro i tumori. L’associazione ha infatti contattato i Comuni nei quali si trova la Lilt e dove Cascio si fermerà per una sosta. In ognuno di questi 52 Comuni verrà organizzato un aperitivo o una cena sociale con lo scopo di raccogliere fondi. Alla partenza non era presente nessun rappresentante dell’Amministrazione, probabilmente per ragioni politiche, visto che Cascio è capogruppo della lista di minoranza «Progetto Comune».

7mila km in 52 giorni

A dare la benedizione al mezzo è stato il parroco don Marco Marella, che ha invocato la protezione del Signore sul viaggio. Un viaggio lungo 7mila chilometri che Sergio percorrerà senza utilizzare autostrade o tangenziali, in solitaria. Il percorso durerà 52 giorni e terminerà con il ritorno a Bergamo il 4 dicembre e in occasione dell’ultima tappa verrà organizzata una partita di calcio a scopo benefico. Come ogni viaggiatore che si rispetti, Sergio terrà un diario dove annoterà tutti i pro e contro di quello che succederà e che diventerà poi un libro.

Leggi anche:  Negozi storici della Bassa premiati oggi a Palazzo Lombardia VIDEO

A Verona sano e salvo

Dopo un saluto, una stretta di mano e un abbraccio ad amici e parenti, Sergio è salito a bordo della sua Ape 50 cc. Dopo quattro ore e 144 chilometri è arrivato a Verona dove è stato accolto dai colleghi Vigili del Fuoco che hanno affisso la bandiera del Veneto.

Ecco i 52 Comuni coinvolti

Le città che verranno coinvolte dall’aperitivo solidale sono: Verona, Venezia, Trieste, Tarvisio, Sappada, Bolzano, Livigno, Geralario, Novara, Aosta, Torino, Cuneo, Bordighera, Varazze, La Spezia, Pisa, Olbia, Arbatax-Tortoli, Civitavecchia, Roma, Terracina, Napoli, Castellabate, Aquafredda M., Cosenza, Vibovalentia, Scilla, Catania, Noto, Punta Secca, Agrigento, Marzara del Vallo, San Vito Lo Capo, Palermo, Capo d’Orlando, Messina, Locri, Crotone, Roseto Capo Spulico, Taranto,Morciano di Leuca, Brindisi, Bari, Foggia, Vasto, San Benedetto del Tronto, Assisi, Ancona, Ravenna, Padova, Mantova, Bergamo.

TORNA ALLA HOME